Di Maio-Benetton, scontro sulla revoca della concessione ad Autostrade

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
benetton

“Oggi leggo una lettera surreale di Luciano Benetton in cui prende le distanze da Autostrade. Ma vi pare possibile? E’ ridicolo. Il MoVimento 5 Stelle non si fermerà. Il governo non si fermerà. Sulla revoca della concessione tireremo dritti”. Così Luigi Di Maio in un post su Facebook e su Instagram commenta la lettera che Luciano Benetton ha inviato oggi ai quotidiani, difendendo la famiglia contro la “campagna d’odio” che si è scatenata anche da parte di esponenti del Governo. Benetton: basta odio contro mia famiglia La lettera di Luciano Benetton che ha suscitato la dura reazione del ministro degli Esteri è stata pubblicata da alcuni quotidiani nazionali. “Trovo necessario fare chiarezza su un grande equivoco: nessun componente della famiglia Benetton ha mai gestito Autostrade. La famiglia Benetton è azionista al 30% di Atlantia che a sua volta controlla Autostrade”. E’ quanto aveva precisato Luciano Benetton nella lettera, in cui chiede “serietà”, non “indulgenza”, mentre invita a smettere l’odio nei suoi confronti e della sua famiglia. “Non cerco giustificazioni – aggiunge il patron della famiglia veneta -, ma questi attacchi sono assurdi”, “chi ha sbagliato deve pagare ma è inaccettabile la campagna scatenata contro la nostra famiglia”. Siamo parte lesa “Le notizie di questi giorni su omessi controlli, su sensori guasti non rinnovati o falsi report – spiega nella lettera Benetton -, ci colpiscono e sorprendono in modo grave, allo stesso modo in cui colpiscono e sorprendono l’opinione pubblica. Ci sentiamo feriti come cittadini, come imprenditori e come azionisti. Come famiglia Benetton ci riteniamo parte lesa. Di sicuro ci assumiamo la responsabilità di aver contribuito ad avallare la definizione di un management – prosegue – che si è dimostrato non idoneo, un management che ha avuto pieni poteri e la totale fiducia degli azionisti e di mio fratello Gilberto che, per come era abituato a lavorare, di sicuro ha posto la sicurezza e la reputazione dell’azienda davanti a qualunque altro obiettivo. Sognava che saremmo stati i migliori nelle infrastrutture”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“Noi e gli Etruschi ai confini della realtà”: è in

Una complicità che andrà indagata, di molti tribunali e di

LEDA VOLPI (M5S): SUI FOCOLAI NELLE RSA INTERROGAZIONE AL MINISTERO

Casa del Cinema ricorda Agata Guttadauro a cinque mesi dalla sua

La Giunta regionale ha approvato, su proposta dell’assessore al Territorio

📍Stamattina a Melpignano che mantiene forte la tradizione di consegnare

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.