ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Di Matteo: la mafia punta a prendersi le aziende in crisi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
dimatteo

Roma – “C’ è un altro terribile contagio che dobbiamo scongiurare in questo momento: l’ economia legale rischia di essere infettata ancora di più dalle mafie”. Lo spiega Nino Di Matteo, ex pm a Palermo e oggi componente del Consiglio superiore della magistratura, in un’intervista a “Repubblica”

“Condivido perfettamente l’ allarme dei nostri investigatori, che sono i migliori al mondo sul fronte della lotta alle mafie. I padrini e i loro complici potrebbero aver già iniziato a contattare imprenditori e commercianti assaliti dalla crisi economica, offrendo ingenti disponibilità di liquidità, magari sotto forma di prestiti. Penso agli operatori del commercio, del settore alberghiero, in generale alle piccole e medie imprese. In breve tempo – aggiunge Di Matteo – la criminalità organizzata potrebbe arrivare all’ obiettivo di controllare numerose attività economiche legali. Non possiamo permetterlo, sarebbe un gravissimo passo verso l’ apparente legalizzazione delle mafie. È la grande sfida che ci aspetta, non riguarda solo il nostro governo, ma anche le istituzioni europee”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

SU SCUOLE TECNICHE, MAFIA E CORRUZIONE OTTIMO DRAGHI, MA DOVRA’

locatelli

Il presidente del Css: la strategia “ci permette di riuscire

“Chiederò ai capigruppo di maggioranza e opposizione di calendarizzare al

Il prossimo venerdi 19 aprile Baubeach®, la spiaggia per cani

Un partito che per anni è stato la casa di

Il controllo di dispositivi tramite segnali elettrici del cervello non

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.