ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

DIA CONFISCA BENI PER 5 MLN A IMPRENDITORE PROVINCIA ENNA

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
notizie in un click

Ma quante volte rileviamo la sproporzione fra redditi dichiarati al fisco e consumi e patrimoni ostentati in soggetti su cui non si indaga? Le indagini patrimoniali sono sempre quelle più divertenti…
La Direzione Investigativa Antimafia ha dato esecuzione ad un decreto di confisca emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Caltanissetta nei confronti di Ettore Forno, 53enne di Enna, imprenditore pluripregiudicato gravato da precedenti penali che nel loro complesso ne caratterizzano l’elevata pericolosità sociale.
L’odierna confisca, che fa seguito ad un provvedimento di sequestro eseguito nel 2019 su proposta del Direttore della Dia, scaturisce dalle risultanze di un’attività di indagine avviata dalla stessa Dia nel 2010 da cui è emersa la sproporzione tra l’elevato tenore di vita ed il consistente patrimonio immobiliare posseduto dall’imprenditore rispetto agli esigui redditi fiscalmente dichiarati. Le risultanze probatorie scaturite dalle attività di indagine sono risultate determinanti per accertare le condotte illecite poste in essere dal Forno con riferimento, segnatamente, al reato di usura facendo altresì emergere la fitta rete di complicità di cui godeva nell’ambito della criminalità ennese. Per tali fatti nel 2017 veniva condannato, infatti, in primo grado alla pena di 3 anni e mesi 4 di reclusione. Il provvedimento di confisca, il cui valore complessivo è stimato in 5 milioni di euro, ha interessato l’intero capitale sociale e rilevanti quote di partecipazioni societarie di n. 11 società e una ditta individuale, tra cui un rinomato bar-ristorante situato all’interno del centro commerciale ”outlet” di Agira (EN) e imprese operanti nei settori dell’estrazione di inerti e della produzione di calcestruzzo, della costruzione di edifici residenziali, del commercio di apparecchiature telefoniche, della gestione di sale giochi e della ristorazione, 17 beni immobili tra i quali spiccano una lussuosa villa con piscina a Nissoria (EN) e diversi terreni di rilevante valore economico situati nell’area commerciale di Catania, nonché numerosi rapporti bancari e polizze assicurative.
Questa è la foto della villa sequestrata. Ma quante altre potrebbero essere state ottenute con capitali di origine mafiosa?

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Ancora nessuna soluzione nella vicenda di Riccardo Cristello, licenziato da

Secondo i dati del Governo, l’economia britannica ha subito una

Il professore Paolo Becchi, in una intervista al Sussidiario, dà

salvini

E’ stata rinviata al prossimo 20 novembre, al carcere di

A Marassi la situazione sanitaria rischia di esplodere. Alisa, secondo

“Non credo che si debba parlare di rimpasto di governo

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.