DiCaprio in prima linea contro i fuochi australiani: donati 3 milioni di dollari

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
dicaprio

Se inizialmente il suo apporto era stato più simbolico che concreto, ora Leonardo DiCaprio ha deciso di fare sul serio per cercare di aiutare l’Australia a uscire dalla drammatica situazione in cui si trova a causa degli incendi. La stella di Hollywood ha deciso di donare 3 milioni di dollari (che corrispondono a 4,5 milioni di dollari australiani) all’Australian Wildfire Fund.

La donazione è stata annunciata con un post su Instagram e ha lo scopo di “assistere gli sforzi critici antincendio nel Nuovo Galles del Sud, aiutare le comunità locali più colpite dai roghi, consentire il salvataggio e il recupero della fauna selvatica e sostenere il ripristino a lungo termine di ecosistemi unici”. Allo stesso tempo DiCaprio è consapevole che per quanto importante questa azione non è sufficiente a risolvere il problema e quindi invita tutti a donare quanto possibile per dare il proprio contributo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

CHI ATTACCA UN MAGISTRATO STRAORDINARIO COME GRATTERI RIPORTA IL PAESE

Luigi Einaudi, primo presidente della Repubblica Italiana, era anche un

Nuovo sbarco di migranti sulle coste del Salento, il terzo

“Il potenziamento della presenza delle Forze dell’Ordine in Friuli Venezia

E’ stata inaugurata questo pomeriggio (venerdì) con una bella festa

Prima di sapere chi è, chiedetegli se è felice… Anzi

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.