ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

DIFESA DELLE COSTE. ASSESSORE BOTTACIN REPLICA

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
spiaggia

DIFESA DELLE COSTE. ASSESSORE BOTTACIN REPLICA AI CONSIGLIERI MONTANARIELLO E ZOTTIS (PD)

In seguito alle nuove affermazioni dei consiglieri regionali Jonatan Montanariello e Francesca Zottis (PD) – a riguardo degli interventi e gli investimenti della Regione a difesa delle coste venete – l’assessore regionale all’Ambiente, Gianpaolo Bottacin, puntualizza: “Ho il dovere di correggere i consiglieri Montanariello e Zottis perché ancora una volta prendono un granchio. Non è solo una parte dei canoni che va a Roma come loro affermano, infatti, ma è l’intero ammontare. Ricordo, poi, che la Regione interviene ogni anno sulle coste con investimenti di vari milioni di euro sia in termini di ripascimento sia di opere strutturali come pennelli a mare in vari comuni ma anche con opere come il sabbiodotto di Bibione tanto per citare un esempio assolutamente avveniristico. Tutti gli interventi vengono fatti in accordo con i comuni e i consorzi e sarebbe utile, oltre che opportuno, che i consiglieri ne fossero a conoscenza visto che sindaci della loro parte politica hanno sottoscritto accordi con la Regione in tal senso.
È gratuito e non corrispondente al vero, quindi, affermare che la Regione non intervenga o si sottragga alle sue responsabilità. Ma è anche di cattivo gusto che due consiglieri del PD insinuino che il mio assessorato pensi soltanto alla montagna, viste e considerate le opere per centinaia di milioni di euro, in corso di realizzazione in tutto il Veneto a difesa della pianura e a volte osteggiate dal loro compagno di partito Zanoni.
La Regione ha realizzato opere di difesa del suolo in tutto il territorio regionale per oltre un miliardo e mezzo di euro e ciò ha consentito, sia nel 2018 sia nel 2020, pur a fronte di precipitazioni maggiori a quelle del 1966 e del 2010, di non avere i 100 morti del ‘66 o mezzo Veneto allagato come nel 2010. Queste non sono chiacchiere ma dati oggettivi e inequivocabili di cui questa amministrazione rivendica il risultato.
Se, poi, i consiglieri del PD Montanariello e Zottis preferiscono che per le opere in montagna non venga investito nulla, lo spieghino ai Bellunesi e ai residenti degli altri territori montani che hanno subito l’uragano Vaia. Il mio assessorato ha pensato sempre a tutto il Veneto in maniera assolutamente responsabile e ciò viene riconosciuto da autorevoli esponenti nel mondo scientifico, della Protezione civile e della difesa del suolo. Evidentemente non la pensano così i due consiglieri dell’opposizione, ma preferisco il riconoscimento tecnico e oggettivo che viene da luminari alle accuse sconnesse, formulate senza una conoscenza della materia”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Sono nato di sette mesi, i nonni mi scaldavano con

Scompare un gigante. Il cinema e l’arte nel suo complesso

bonino

La pubblicazione del rapporto dell’Intelligence Nazionale degli Stati Uniti, fortemente

migranti

Bologna – L’Emilia Romagna è la seconda regione italiana (la

È uno strappo che non avrà conseguenze politiche immediate Ma

migranti

CINEMA MASSIMO – MNC, SALA SOLDATI 5 MAGGIO, ORE 18.30

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.