ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

DISMISSIONI ALLOGGI INPS: ASIA-USB ALL’INCONTRO CON IL PRESIDENTE TRIDICO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
65392354_2466834400207008_6254447323372322816_n

Si è tenuto questa mattina l’incontro con il Presidente dell’Inps Pasquale Tridico, richiesto dalla Presidente del VII Municipio Monica Lozzi, dove ricade gran parte del patrimonio dell’ente pensionistico, e dalla on. Vittoria Baldino componente della I Commissione Affari Costituzionali del parlamento italiano.
Grazie alle numerose mobilitazioni di ASIA-USB finalmente si inizia a discutere in sede istituzionale il problema delle dismissioni e delle conseguenze che potranno avere sulla città di Roma, visto che colpiranno settori sociali più deboli, molti gli anziani.
Il Presidente Tridico ha esordito comunicando che è stata concordata con l’on. Baldino, dopo aver ascoltato il Comune di Roma, la presentazione di un emendamento alla prossima legge di bilancio che prevede l’impegno di 300 milioni di euro per l’acquisto da parte di Roma Capitale di tutto il patrimonio non optato.
ASIA-USB ritiene positivo il fatto che la nuova gestione Inps si rende disponibile a ricercare una soluzione positiva al tema della casa, visto che da alcuni anni sta denunciando il piano di dismissioni messo in atto dalla gestione Boeri, che prevede criteri di dismissione degli alloggi a prezzi di mercato senza il rispetto della legge 410 del 2001 e la discriminazione dei numerosi senza titolo a cui nel 2013 è stato riconosciuto il diritto alla regolarizzazione. Ritiene altresì problematica la soluzione suggerita per il semplice fatto che l’emendamento, se non trova la dovuta copertura finanziaria, potrebbe non essere approvato.
Quindi ha ribadito la necessità di ricercare una soluzione condivisa con tutte le Istituzioni competenti e ha rinnovato la richiesta di apertura di un tavolo inter-istituzionale (Inps, Ministeri competenti, Regione Lazio, Comune e parti sociali) per discutere approfonditamente delle soluzioni possibili che prevedano: l’utilizzo dei fondi di enti pubblici giacenti nella Tesoreria dello Stato vincolati all’utilizzo sociale o finanziamenti comunque dedicabili alla soluzione abitativa; la riattivazione della norma regionale che prevede il fondo di rotazione per la concessione di mutui agevolati e l’acquisizione degli alloggi da parte dell’Ater o Comune per tutelare gli inquilini degli enti previdenziali, anche utilizzando i fondi regionale per l’edilizia agevolata; la cancellazione della determina del Presidente Boeri che, in contrasto con le norme di legge, prevede il calcolo dell’indennità degli affitti, e il calcolo degli arretrati, in base alle valori dell’OMI.

ASIA-USB

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

L’Italia è il secondo Paese europeo – dopo il Regno

L’emergenza Coronavirus non modifica i piani della Uefa per l’Europeo

Sul tavolo la retrocessione all’amministrazione straordinaria. I sindacati chiedono l’attivazione

Solo Marco Travaglio poteva raccontare chiaramente e brevemente come dai

TRIESTE – Va al pianista Luca Chiandotto e al clarinettista

Da mercoledì 1° gennaio 2020 chi vuole giocare a videolottery

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.