ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Dissesto idrogeologico: Francavilla di Sicilia, in arrivo il progetto

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
generico

Al via le indagini e gli studi geologici che consentiranno di mettere nero su bianco le soluzioni da adottare per contrastare i movimenti franosi in contrada Vena, nella periferia nord di Francavilla di Sicilia, Comune del Messinese. Ad acquisire tutti gli elementi necessari per redigere il progetto esecutivo, sarà il pool di professionisti che fa capo allo Studio Freni di Paternò, aggiudicatario della gara d’appalto. A breve, dunque, la Struttura contro il dissesto idrogeologico, guidata dal governatore siciliano Nello Musumeci, potrà contare anche sullo strumento che consentirà agli uffici di far partire i lavori.

L’intervento, atteso da oltre dieci anni, mira a consolidare una zona resa particolarmente fragile dalla presenza del torrente San Paolo. A destare preoccupazione, in particolare, è il costone roccioso che sovrasta la sponda destra del corso d’acqua. Si tratta di un’area che ha un’estensione di circa 1.300 metri quadrati e per la quale si dovrà intervenire con reti, tiranti, funi d’acciaio, travi, paratie di pali e un sistema di canalette per la raccolta e il convogliamento delle acque piovane. Una capillare operazione di messa in sicurezza in grado di arrestare i movimenti del terreno, che hanno già lesionato alcuni edifici, e restituire così serenità agli abitanti della zona.

pn/fdp

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

A spingere gli italiani al mare dopo il lungo periodo

“CIAO MASCHIO”, Domani sera dalle 00:20 su Rai1 la tredicesima puntata:

Un altro importante risultato raggiunto grazie al MoVimento 5 Stelle

“Si usi questa fase straordinaria, la tregua garantita dal governo

“È una manifestazione straordinaria. A nome della Calabria dico grazie

sud

In cinque anni la popolazione italiana si è ridotta di

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.