Dolores Garcìa – Il segreto di Monna Lisa – Milano, Sonzogno, 2006, 466 p. (179)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
giocondafoto

Tutti conoscono il quadro in questione, molti sanno quanto tempo “il genio” impiegò per accettarne la commessa e poi per completarlo, pochi sanno le ragioni di tutto questo, compreso il “mistero” per cui lo stesso non andò mai alla famiglia che lo aveva voluto e pazientemente atteso, (Leonardo non se ne separò mai fino alla morte) e perché, infine, lo donò a …

La bravura, l’intelligenza, l’arguzia e le buone capacità descrittive e inventive di Dolores Garcìa sono state quelle di creare – rispettando il più possibile i personaggi, i fatti e gli avvenimenti storici – con una “realistica fantasia” un attento “poetico narrare”, che si regge benissimo da solo e che potrebbe anche collocarsi, senza far brutta figura, nella storia vera. L’autrice, con indubbia perspicacia, ha molto bene descritto tutti i personaggi incontrati, storici e non, nel loro quotidiano agire e nelle approfondite emotività, soprattutto con una “eccellente” materializzazione – che può così essere bene e meglio conosciuta dal lettore – di monna Elisa Gherardini, sposa felice, fedele e dotta di Francesco del Giocondo, ricco commerciante di sete in Firenze nei primi anni del Cinquecento.

A voler essere più precisi, Lisa viene descritta – e ci appare senza ombre né dubbi – come una donna filosofa che attrae la mente e lo spirito del maestro del Rinascimento – il corpo, pare, proprio no! per le sue diverse tendenze –, col quale ha una vicinanza ed una comunione totale ed esclusiva, profondamente emozionante e coinvolgente, che in qualche caso condiziona il matematico, lo scienziato, l’ingegnere, il pittore, l’architetto e lo scultore che sono stati in (Lionardo, suo primo nome) Leonardo da Vinci.

La profondità dei loro dialoghi si pongono oltre la pur bella trama e le spiegazioni fornite sui tanti storici avvenimenti descritti e sulle meravigliose opere d’arte create dal maestro, fino a coinvolgere e spingere il colto lettore ad approfondire l’origine di quelle idee filosofiche non sempre chiare, ma così attraenti e diverse dalle solite “verità”.

Come nella scoperta di Ermete Trismegisto (e questo lo conoscevamo… maestro di sapienza dei primi secoli d.C., autore, tra l’altro, di “Le 7 leggi universali”, “La legge dello spirito” … ecc) e del suo libro più famoso “Corpus Hermeticum” – filosofia dell’ermetismo – dal quale è stato tratto il “Kybalion, la verità ti renderà libero”, del 1908, a quell’originario libro ispirato, da parte di tre ignoti autori – I Tre iniziati -, nell’insieme culturalmente molto intrigante e coinvolgente.

Pur se in questa occasione l’autrice pare essersi confusa (cita il Kybalion come libro dell’epoca a Leonardo vicina), i pensieri che vengono sviluppati dalla “sorprendente” e inattesa monna Lisa nei dialoghi col “genio” sono di assoluto rispetto filosofale e culturale, di alta profondità e valore cognitivo che fortemente coinvolgono una parte, crediamo non piccola, dei lettori e che la, anche, “saggia” Garcìa mette in bocca alla Gherardini ma crediamo siano prime state fatte sue.

Come nel concetto: “… la Creazione è un prodotto mentale, tutto è fatto della stessa sostanza, che però si presenta sotto diversi aspetti: organico, vegetale, minerale, ecc. per cui, se tutto è una medesima cosa, gli opposti sono solo apparentemente tali: sono punti estremi di una medesima sostanza….”.

Insomma, un libro che consigliamo di leggere non solo ai curiosi ma anche ai colti, a chi vuol crescere, a colui che non ama le letture “comuni” e “normali”.

Franco Cortese Notizie in un click

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Dopo aver aderito nei mesi scorsi alla campagna del Ministero

Un impiegato bulgaro, del quale era stata denunciata la scomparsa,

E’ arrivato nel cuore della notte il Dpcm definitivo che

Sulle politiche industriali il caos è totale. Quello che emerge

Paghe da fame, scarse tutele e sfruttamento, con oltre la

Lanciata dalla Polizia di Stato la campagna di sensibilizzazione “Se

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.