ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Domenica supermercati chiusi in provincia di Perugia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
supermercato

Cgil: risultato importante e per nulla scontato

Domenica la grande distribuzione nella provincia di Perugia resterà chiusa. Tutte le principali catene, da Coop a Conad, GMF (Emi, Hurrà, C&C), Magazzini Gabrielli (Oasi, Tigre), L’Abbondanza (Gala), Eurospin, e via dicendo non apriranno al pubblico. “È un risultato importante e per nulla scontato della forte pressione che insieme alle lavoratrici e ai lavoratori, insieme ai sindacati del commercio, abbiamo messo in campo dall’inizio dell’emergenza – afferma Filippo Ciavaglia, segretario generale della Cgil di Perugia – Un risultato dalla doppia valenza, perché non solo consente a lavoratrici e lavoratori, che con grande sacrificio continuano a garantirci la possibilità di fare la spesa, di trascorrere una giornata a casa con le proprie famiglie, ma anche perché riduce sensibilmente gli spostamenti delle persone e delle merci, con un effetto importante anche sulla logistica”.
“Siamo molto soddisfatti di aver raggiunto questo risultato con il coinvolgimento di praticamente tutte le realtà della Gdo umbra – commenta Riccardo Giulivi, segretario generale della Filcams Cgil di Perugia – ma non manca purtroppo un’eccezione, che dobbiamo stigmatizzare: Lidl ci ha infatti comunicato che intende aprire comunque domenica, anche se con orario ridotto. Una scelta francamente non comprensibile – conclude il sindacalista – che penalizza oltremodo lavoratrici e lavoratori di quell’azienda e dimostra uno scarso senso di collaborazione in un momento che richiederebbe invece di remare tutti dalla stessa parte”.
La Cgil lancia infine un appello ai sindaci del territorio: “Li invitiamo a vigilare non solo sulle chiusure domenicali dei supermercati, ma più in generale sul rispetto delle normative di sicurezza in tutti i luoghi di lavoro. Per noi resta infatti ineludibile il concetto che o si lavora in assoluta sicurezza oppure si ferma l’attività, alternative non ce ne sono”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Il Conte bis rischia di essere consegnato alle cronache come

lorenzin

“Serve un sacrificio in più per la sicurezza dei nostri

Taglio parlamentari in linea con lungimirante posizione Berlusconi’ – ‘Fi

musumeci

Attentato in Congo, Musumeci: vicinanza della comunità siciliana ai familiari

Il Ministero del Lavoro, come avevo proposto nelle scorse settimane,

Un politico che per evitare il carcere se n’è scappato

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.