DOMODOSSOLA, PECORE SENZA LUCE E ACQUA. SEQUESTRATA UNA STALLA

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
pecore..

Una stalla e l’intero gregge sono stati sequestrati a un allevatore per le condizioni igieniche carenti. E’ l’intervento fatto dagli agenti della stazione Carabinieri Forestale di Domodossola (VCO) in localita’ ‘Bosco’ nel Comune di Crevoladossola. L’accertamento e’ stato fatto assieme a due medici del servizio veterinario dell’Asl di Domodossola. “Abbiamo rilevato – spiegano i carabinieri – condizioni sanitarie estremamente gravi per la sopravvivenza stessa degli animali. Le pecore avevano il vello ricoperto da fango misto a feci ed insetti. Il luogo di detenzione aveva dimensioni estremamente ridotte per ospitare i 12 ovini, con insufficienti condizioni di luce. L’abbeveratoio risultava completamente vuoto e le pecore palesavano un evidente stato di carenza nutrizionale”. I 12 animali, solo 6 dei quali regolarmente identificati tramite il marchio auricolare previsto, sono quindi stati posti d’urgenza sotto sequestro penale assieme alla stalla. Il detentore della stalla e il proprietario degli animali, padre e figlio entrambi residenti a Crevoladossola, sono stati denunciati. Il sequestro e’ stato convalidato dal pm della Procura di Verbania, Gianluca Periani.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

figli del fiume giallo di Jia Zhangke , Cina, Francia,

Si tratta di una vera e propria discarica illegale a

In Italia vengono consumati tra i 16 e i 20

La ricerca, promossa da CFU, Asphi, CISL e ISAL, avrà

Centri per l’impiego, approvato ordine del giorno in Regione Toscana

“Serracchiani che ci racconta come affrontare l’immigrazione clandestina è come

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.