ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Donazione di organi, Sassari è la città più “generosa”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
120459142_10157231193152680_7608888100684022689_o

È Sassari la città più “generosa” d’Italia per la donazione di organi e tessuti. La città sarda, infatti, è in testa alla nuova edizione dell’Indice del dono, il rapporto del Centro nazionale trapianti che fotografa le dichiarazioni di volontà sulla donazione registrate negli ultimi 12 mesi nei Comuni italiani.

Al momento del rinnovo della carta d’identità viene richiesto se donare o meno e Sassari, con un tasso di consenso superiore all’80%, ha raggiunto il miglior risultato complessivo tra le città con più di 100mila abitanti, superando sul podio Livorno e Trento. E’ il secondo anno per una città sarda (nel 2019 fu la volta di Cagliari, ora settima). Milano è diciottesima, ventisettesima Roma, entrambe con un indice vicino alla media nazionale. Gli ultimi posti, invece, sono per Foggia, seguita in negativo da Catania, Reggio Calabria, Napoli e Palermo.

Lo studio fa emergere una forte differenza in termini di consenso alla donazione tra Nord e Sud: Provincia autonoma di Trento, Valle d’Aosta, Sardegna, Veneto e Friuli sono in testa tra i più generosi, mentre in coda c’è la Sicilia, preceduta da Campania, Calabria, Basilicata, Molise e Puglia.

Tra i Comuni medio-grandi (tra i 30 e i 100mila abitanti), al primo posto è Merano (Bolzano) davanti a Nuoro e Pomigliano d’Arco (Napoli). Maglia nera tra i meno generosi, Manfredonia (Foggia). Tra i Comuni medio-piccoli (tra i 5 e i 30mila abitanti), il più generoso è Primiero San Martino di Castrozza (Trento), ultimo è Qualiano (Napoli). Nei piccoli Comuni, quelli con meno di 5mila abitanti, è invece Ustica (Palermo) ad essere quello piu’ generoso. Sul versante opposto della classifica è Saludecio (Rimini).

Finora nel 2020 sono state registrate dai Comuni complessivamente 1.730.904 dichiarazioni di volontà in calo del 32% circa rispetto al 2019, a causa del lockdown dello scorso aprile che ha determinato un forte rallentamento delle attività nelle amministrazioni locali nel rilascio delle carte d’identità e, di riflesso, delle volontà registrate. Più del 50% dei maggiorenni che rinnovano la carta d’identità si esprime sulla donazione ma, tra i segnali di allerta, c’è la crescita del tasso di opposizione alla donazione: più di 3 cittadini su 10 si dichiarano contrari alla donazione (34% i “no” censiti nel 2020 contro i 32.8% dell’anno precedente). Per Massimo Cardillo, del Centro nazionale trapianti, “L’aumento delle opposizioni alla donazione potrebbe essere insostenibile a lungo termine

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Che palle. Da due anni metà dei post di simpatizzanti

imam

VALUTARE IL #41BIS PER QUESTI CRIMINALI CHE POSSONO FARE ADEPTI

Scuola. Sui corsi di formazione degli idonei al sostegno didattico

viola

EMA ha dichiarato che non si può escludere un collegamento

MA RISCHIA DI RIDURRE CONSUMI FINO AL -10% CREANDO DANNI

bancomat

Da ieri, primo gennaio cashback 2021 di Stato a pieno

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.