ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

#DonneMigranti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
migranti

Migrare significa per donne e uomini fatica, dolore, solitudine, violenze, addirittura morte. Tuttavia le donne migranti sono esposte a tutto questo molto più degli uomini. A dirlo non sono solo le storie e i racconti di chi emigra ma anche i dati. Da una recente ricerca, basata su interviste a 437 operatrici e operatori che accolgono migranti in 5 paesi europei, emergono numeri agghiaccianti sulle violenze subite dalle donne nel percorso migratorio.
Oggi le donne migranti rappresentano solo il 10% di chi arriva in Europa via mare ma quasi la totalità ha subito, nel Paese di origine o durante il viaggio, forme multiple di violenza agite da uomini conosciuti e trafficanti: torture, abusi, stupri, matrimoni forzati, mutilazioni genitali, tratta, sfruttamento sessuale. Violenze di ogni tipo, che molto dipendono dalle rotte migratorie e dalla lunghezza del viaggio, dai paesi di partenza e di arrivo, dalle condizioni familiari. Un fenomeno sottostimato e poco conosciuto che le stesse donne migranti tendono a tacere per paura delle conseguenze, per colpevolizzazione e sfiducia nelle autorità, ma anche per scarso accesso alle informazioni sui diritti riconosciuti in ciascuno degli Stati europei.
Ecco ricordiamoci di tutto questo quando le vediamo scendere dalle navi e ascoltiamo chi parla di porti chiusi, respingimenti e taxi del mare…

Casa della Donna Pisa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“Ripartire dal Sud”. Con questa netta sollecitazione Cgil, Cisl e

lavoro

CORONAVIRUS: BUSSOLATI E ASTUTI (PD), “LE IMPRESE LOMBARDE HANNO BISOGNO

Il bobcat che si rovescia di colpo, piegandosi di lato.

Popolare, ironico, determinato. Un socialista che il fascismo aveva provato

Anteprima sulla festa delle donne Come donna norvegese in carriera

“La tutela ambientale è uno dei principali impegni che il

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.