Dopo 15 anni di discussioni e rallentamenti si parla di Gronda

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
71407910_2437156846531681_3881001460200112128_n

Dopo 15 anni di discussioni e rallentamenti, se si parla di Gronda bisognerebbe farlo solo per annunciare il giorno dell’inizio dei lavori. Il ministro alle Infrastrutture De Micheli ancora una volta invece del cantiere parla di aprire due tavoli di confronto con istituzioni e forze politiche e magari rivedere l’opera, tanto indigesta ai suoi alleati di Governo. Direi che di chiacchiere ne abbiamo fatte abbastanza! I liguri aspettano la Gronda da anni e gli italiani la stanno già pagando, abbiamo espropriato 50 milioni di euro di beni lungo il tracciato. Si facciano tutti i tavoli che vogliono, ma a me sembrano tanto pretesti per prendere tempo e non far esplodere le contraddizioni tra Pd, Renziani e Cinque Stelle. Se il Governo non ci darà risposte in tempi brevi scenderemo in piazza per dirlo ancora più forte: il tempo è scaduto, l’Italia vuole crescere!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Il duca di Edinburgo, Filippo, festeggia oggi il suo 99esimo

Museo e Università insieme per formazione e ricerca Lezioni e

PETROLIO CROLLA AI MINIMI MA ALLA POMPA LISTINI NON SCENDONO

Con l’aumento delle temperature si fa via via più acceso

Un risultato dovuto al successo del Progetto Life. Negli stagni

“La Germania ha grandissime virtù e pochissimi difetti, solo qualche

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.