Dpcm

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
viola

Ieri Gruber mi ha chiesto se le misure incluse nel nuovo Dpcm basteranno a contenere il diffondersi del virus. Difficile poter rispondere in maniera netta a questa domanda, ma francamente non credo. Se molti dei punti toccati dal Dpcm sono certamente utili, altri avranno una efficacia relativa e altri ancora mi lasciano perplessa. Ma la formula magica non c’è e capisco quanto sia difficile coniugare esigenze sanitarie, politiche, sociali, diritto… Quindi nessuna polemica e totale rispetto per le regole.
Però ci sono dei punti che non sono stati toccati e che invece, per la loro criticità, vale la pena ricordare. Uno di questi è certamente quello dei trasporti. Come ripeto sin da marzo, i trasporti sono un nodo cruciale perchè la mascherina non ci può proteggere nelle condizioni di forte assembramento che abbiamo visto nei tram e nelle metropolitane. Durante l’estate, si sarebbe dovuto organizzare il potenziamento del trasporto pubblico, perchè era evidente che con la ripresa di scuola e attività lavorative ci saremmo trovati in queste condizioni. Ora è tardi: mancano i mezzi e il personale. Come risolvere il problema? Certamente sarebbe stato utile imporre un aumento del lavoro da casa (smart working). Perchè consigliarlo e non regolamentarlo? Sarebbe stato un segnale forte e avrebbe avuto certamente maggiore incisività.
Poi c’è il discorso scuola superiore e università. Credo che sia giusto iniziare a discutere della possibilità di utilizzare maggiormente la didattica a distanza in questi contesti. Nel caso dell’università, dove ho esperienza diretta come docente, la didattica a distanza ha funzionato molto bene durante il lockdown e non ci sarebbero problemi di tipo formativo o organizzativo se si decidesse di ricominciare così. E forse anche per gli ultimi 2 anni della scuola superiore si potrebbe aprire una discussione, cercando di capire se per questi ragazzi si può sostituire la lezione frontale con quella a distanza e valutando costi e benefici.
Affrontiamo subito questi argomenti perchè introdurre piccole restrizioni quando è troppo tardi non serve a molto.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Il nostro Paese si classifica inoltre 18esimo per numero di

Abbiamo un banco di prova molto importante, dobbiamo utilizzare al

“È indispensabile un nuovo patto europeo su immigrazione e asilo.

Passato e presente dell’arma dei Carabinieri, dal Risorgimento alla strage del

“L’Italia è fondamentale per il cinema mondiale, perché il cinema

“Dopo aver fatto coming out in diretta radiofonica, Kasymberdy Garayev

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.