DUE MILIONI E MEZZO PER LA MANUTENZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
68462784_2723373201007104_881307278886567936_n

E’ iniziata mercoledì 7 agosto l’accurata ispezione delle facciate di Palazzo Strozzi, che per tre giorni sono state analizzate e studiate per trovare eventuali punti che necessitano interventi di restauro. Poche settimane fa era stato il turno delle facciate di Palazzo Vecchio e nei prossimi mesi sarà la volta di altri edifici e monumenti storici, che verranno esaminati e osservati a fondo per constatare il loro “stato di salute”.

Questi interventi fanno parte infatti di una serie di attività analoghe periodiche programmate, ben distribuite nel tempo, assolutamente necessarie per gestire nel migliore dei modi il colossale patrimonio artistico e monumentale di Firenze. Sono previsti tre accordi quadro, dedicati a palazzi, ville e monumenti cittadini (per un importo complessivo biennale di 864.750 euro (le ispezioni sono articolate in 73 immobili e 188 monumenti); chiese, conventi e Palazzo Vecchio per un importo complessivo biennale di 812.054 euro (le ispezioni interessano Palazzo Vecchio, 15 complessi religiosi, San Firenze e l’Osservatorio Ximeniano); complessi monumentali e cinta muraria per un importo complessivo biennale di 835.276 euro (le ispezioni sono articolate in 26 episodi della cinta muraria, 17 immobili, monumenti del parco delle Cascine compresi quelli minori quali colonnini, cippi, termini, steli).

Le ispezioni svolte fino a oggi sono circa la metà di quelle previste e necessarie.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Si è svolto oggi al MiSE il tavolo su Piaggio

Città intere ostaggio di quelli che le autorità definiscono “attacchi

PORDENONE- Il Teatro si fa grande per i bambini. Si

Salvini vuole fare delle Europee del 26 maggio un referendum?

Il governo indiano di estrema destra ha annunciato la decisione

Abbiamo altre priorità da affrontare prima di qualsiasi verticalizzazione, partendo

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.