È purtroppo appena venuto a mancare Ezio Bosso

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
enzo bosso

Il dispiacere è davvero enorme. Perché Ezio Bosso, oltre ad esser stato un direttore d’orchestra eccezionale, era anche qualcosa di più: una bravissima persona. Un uomo onesto, empatico, buono. Che negli anni ha dimostrato oltre che una grandissima passione ed una cultura infinita, anche una forza ed una tenacia incredibili in quella che è stata una durissima lotta contro una malattia terribile.

Ti diciamo allora addio ricordando queste che furono tra le tue parole più belle:

“Si dice che la vita sia composta da 12 stanze. 12 stanze in cui lasceremo qualcosa di noi che ci ricorderanno. 12 le stanze che ricorderemo quando saremo arrivati all’ultima. Nessuno può ricordare la prima stanza dove è stato, ma pare che questo accada nell’ultima che raggiungeremo. Stanza, significa fermarsi, ma significa anche affermarsi. Ho dovuto percorre stanze immaginarie, per necessità. Perché nella mia vita ho dei momenti in cui entro in una stanza che non mi è molto simpatica detto sinceramente. È una stanza in cui mi ritrovo bloccato per lunghi periodi, una stanza che diventa buia, piccolissima eppure immensa e impossibile da percorrere. Nei periodi in cui sono lì ho dei momenti dove mi sembra che non ne uscirò mai. Ma anche lei mi ha regalato qualcosa, mi ha incuriosito, mi ha ricordato la mia fortuna. Mi ha fatto giocare con lei. Si, perché la stanza è anche una poesia.”

Buon viaggio, Ezio.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

È stato presentato questa mattina, presso il centro di preparazione

Nonostante l’aumento della quota delle tredicesime disponibile per i consumi

Giuliano morì a soli 38 anni, dopo aver contratto l’Aids.

“Siamo contenti di presentare ancora una volta la squadra arbitrale

Sono i cinesi gli stranieri più presenti quando si parla

Per la prima volta Forza Italia rischia di dover competere

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.