ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

EDITORIA E COMMERCIO, FACCIAMO PAGARE LA CRISI AI GIGANTI DEL WEB

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
Editoria

Forte con i deboli, debole con i forti. Così il vecchio Pietro Nenni descriveva lo Stato italiano, così il governo Conte si sta effettivamente comportando. Parliamo di editoria. Che il Movimento 5stelle voglia fare a pezzi l’editoria tradizionale favorendo gli interessi dei grandi player digitali è cosa nota. Ignoto era, ad oggi, il fatto che su questa linea si attestasse anche il Partito democratico. Il decreto Cura Italia non prevede, infatti, alcun intervento diretto a sostegno delle aziende editoriali, che già prima del Coronavirus attraversavano una crisi strutturale drammatica. Il governo ha detto no a un credito per gli acquisti di carta, all’Iva forfettaria, alla reintroduzione dell’obbligo di pubblicare i bandi delle aste giudiziarie. Si penalizza, così, un settore industriale del Paese e si comprime la qualità della democrazia, di cui la libera informazione è un tassello imprescindibile. Soprattutto non si fa nulla per responsabilizzare coloro che più di ogni altro si sono avvantaggiati dallo status quo e ancor più si avvantaggeranno dalla crisi in corso: i giganti del Web. Uno studio di Mediobanca rivela nel 2018 hanno realizzato ricavi in Italia per 2,5 miliardi e pagato tasse per 64 milioni. Per loro, il Coronavirus è una manna. Realizzeranno miliardi di ricavi aggiuntivi grazie al picco del commercio on-line (ulteriore mazzata sulla nuca dei nostri commercianti) e dei fatturati pubblicitari sui social. Si profila una questione di giustizia e di equità: che l’Italia si faccia protagonista in Europa di un’azione politica volta a non scaricare sui più deboli i costi della crisi, mettendoli in conto ai più forti. E i più forti, oggi, sono i giganti del Web.

Andrea Cangini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“Se il contagio aumenterà e troveremo delle situazioni molto più

Riparte il tour di Luca Barozzi per la presentazione del

Si celebra oggi 6 luglio 2019 il “World Kiss Day”

“Nella proposta del ministro Lamorgese non ci sono solo le

vaccino

La Commissione Ue ha avviato una seconda azione legale contro

asilo

La norma per gli asili nido “sarà in vigore dal

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.