EMERGENZA COVID-19 E PARTECIPAZIONE DEI CITTADINI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
generico

SANTORI (SARDINE): “IN QUESTO TEMPO E’ NECESSARIO FARE POLITICA CON I CITTADINI”

INTANTO CAPPATO, STADERINI (POLITICI PER CASO) SCRIVONO A CONTE, FICO E CASELLATI PER RESTITUIRE AGLI ITALIANI GLI STRUMENTI DI DEMOCRAZIA DIRETTA, INTRODUCENDO SUBITO FIRMA ONLINE.

Il leader delle sardine fra gli ospiti di “Politici per Caso”, il neonato comitato a sostegno dell’iniziativa e dell’introduzione delle Assemblee di cittadini estratti a sorte

“Il tempo che viviamo impone nuove forme di partecipazione alla vita democratica del nostro paese. Una partecipazione che non può limitarsi alle consultazioni politiche e referendarie. Nonostante la distanza siderale che esiste oggi tra gli elettori e gli eletti, la richiesta di coinvolgimento politico da parte dei cittadini è elevatissima, ma spesso non trova risposte né formule per concretizzarsi. Così il leader delle Sardine Mattia Santori intervenendo sabato 31 ottobre a “PoliticiPerCaso, tempo di rinnovare la democrazia!”, il neonato Comitato italiano per l’assemblea dei cittadini estratto a sorte fondato d Mario Staderini, attivista per i diritti politici e Marco Cappato, anche Tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni e fondatore di Eumans!. Politici per caso promuove proposta di legge popolare per istituire anche in Italia le Assemblee di cittadini estratti a sorte, depositata in Cassazione nello scorso dicembre.

Nel corso della diretta i fondatori hanno inviato una prima iniziativa, rappresentata dall’invio di una a lettera al Presidente del Consiglio e ai Presidente di Camera e Senato per chiedere che si possa, da subito, raccogliere online le 50mila firme previste dalla Costituzione per depositare la proposta in Parlamento.

Afferma Marco Cappato: «Mentre il Parlamento discute la possibilità di far votare gli eletti da remoto, nessuno pone il problema di come restituire ai cittadini il diritto intervenire nella vita pubblica, attraverso gli strumenti telematici. Per questo chiediamo al Presidente del Consiglio di proporre con urgenza un decreto che consenta di firmare online referendum e iniziative popolari. In una fase di emergenza come questa, va garantito il massimo coinvolgimento dei cittadini, in particolare con gli strumenti di democrazia diretta».

Mario Staderini, che una recente decisione del Comitato diritti umani dell’Onu ha riconosciuto come vittima dello Stato italiano per violazione del diritto a promuovere referendum proprio a causa delle procedure previste dalla legge n 352 del 1970 , spiega che «Le attuali modalità di raccolta firme, come ad esempio l’onere per i promotori di raccogliere le sottoscrizioni in presenza di determinati pubblici ufficiali senza però garantirne la disponibilità, contengono “irragionevoli restrizioni” che il Comitato Onu ha dichiarato contrarie al diritto internazionale , obbligando l’Italia a modificarle. Peraltro, l’emergenza sanitaria in corso – continua Staderini – rende del tutto impossibile la raccolta, considerati gli obblighi di distanziamento sociale e di prevenzione. Ad esempio, come promotori della legge di iniziativa popolare sulle Assemblee di cittadini, a marzo abbiamo dovuto sospendere la campagna di raccolta firme a causa dei divieti contenuti nei decreti del Governo a seguito della pandemia, e lo stesso si sta ripetendendo adesso. Non possiamo accettare di sospendere la democrazia e i diritti costituzionali dei cittadini.. Per questo ci siamo rivolti con una lettera ai Presidenti delle Camere e al Presidente del Consiglio affinchè venga consentita la raccolta delle firme anche per via digitale».

Ø APPROFONDIMENTO – CHI E’ POLITICI PER CASO

Tra i firmatari della lettera anche Lorenzo Mineo, coordinatore di Democrazia Radicale, e Samuele Nannoni, coordinatore dell’Organizzazione per la Democrazia Rappresentativa Aleatoria, organizzazioni che si battono per la modernizzazione della democrazia. «La nostra proposta di legge – spiegano Mineo e Nannoni – a cui abbiamo dato nome “PoliticiPerCaso”, chiede di istituzionalizzare in Italia una prassi che sta funzionando su scala internazionale.

Assemblee di cittadini sorteggiati su base campionaria, rappresentativa della popolazione, che col supporto di esperti studiano, dibattono e decidono, a partire da evidenze scientifiche, su questioni di interesse generale, dove la politica elettorale non riesce a dare soluzioni adeguate. Una proposta di innovazione democratica, le Assemblee dei Cittadini, che lanciamo a partire dal tema dell’emergenza climatica su cui chiediamo che sia istituita la prima assemblea. Innovativo è anche lo strumento con cui chiediamo alle istituzioni di permetterci di portare avanti la nostra proposta popolare in tempi di pandemia e distanziamento sociale: la firma online»

Il comitato promotore della proposta di schiera infine a sostegno di iniziative analoghe che prospettano di istituire lo strumento dell’assemblea dei cittadini anche a livello locale. È il caso dell’iniziativa referendaria “Introduzione del Gran Consiglio dei cittadini e di un primo Consiglio sulla crisi climatica”, una proposta locale nella provincia autonoma di Bolzano, promossa dall’associazione Più Democrazia Bolzano. Associazione che si unisce ai firmatari della lettera nell’appello alle istituzioni per la firma digitale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

La lotta agli sprechi alimentari (Food Waste) è una priorità

L’economia verde salverà i posti di lavoro messi in pericolo

La notizia era nell’aria, ma è stata confermata poco fa

Con l’arrivo del sole nelle campagne è corsa per salvare

Istituito nel 1981 per volontà del Comune di Venezia e

“Credo sarebbe stato giusto che gli effetti della legge regionale

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.