Emergenza fauna selvatica; Marchetti (FI): «Da Pd e Regione incapacità di gestire il fenomeno»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
Cinghiali..

«Cinghiali per le strade del Senese con incidenti a ripetizione, 4 in 2 giorni, e pericolo per gli automobilisti: è l’ennesimo esempio dell’incapacità di Pd e Regione di gestire il fenomeno praticando una sostanziale inerzia per compiacere preconcetti veteroambientalisti. La Regione Toscana ha abdicato dal governo della fauna selvatica. E’ una responsabilità politica grave e conclamata con cui si mettono in pericolo le persone, oltre che i territori»: la riflessione arriva dal Capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Maurizio Marchetti, non nuovo al richiamare la giunta regionale toscana ai suoi doveri circa la gestione della materia, a partire dalla definizione del Piano faunistico venatorio.

«Il triste record di 4 sinistri verificatisi negli ultimi due giorni nelle strade attorno a Poggibonsi, fortunatamente senza feriti né vittime – incalza Marchetti – è una delle conseguenze di un lasciar andare che la Regione ha praticato riguardo agli animali selvatici ma in particolare agli ungulati, cinghiali in primis, con piani di contenimento insufficienti e inefficaci prodotti quasi per mimare un’iniziativa che in effetti poi non c’è. La questione degli impatti su strada con questi e altri selvatici è un elemento che va di pari passo con le devastazioni ripetute di vigneti, orti, colture… nulla resiste al loro appetito. Ma la colpa non è degli animali, bensì degli uomini che non hanno saputo gestire il fenomeno. La Regione ha lasciato che gli ungulati proliferassero a dismisura sul territorio toscano. I piani di abbattimento sono giunti tardivi, e questi animali sono in flagrante sovrannumero rispetto alle capacità dei nostri boschi di nutrirli. Così gli esemplari di cinghiali, caprioli, daini e altri ungulati sempre più di frequente si spingono nelle aree antropizzate dove trovano cibo facile per loro e per i loro cuccioli. Strade comprese. E attenzione: anche loro sono prede soprattutto per i lupi che non tarderanno a farsi vedere al loro inseguimento. E’ la banale catena alimentare, ma dovrebbe compiersi nei boschi e non per le strade o a ridosso delle case».

Che fare? «La Regione annaspa, pare affetta – analizza Marchetti – da una specie di sindrome di Munchausen per procura: ha fatto ammalare di fauna selvatica la Toscana e oggi si lacera le vesti dinanzi a episodi come questi, così come dinanzi ad agricoltori e allevatori che però poi indennizza col contagocce rimanendo avara di sostegni alle misure di difesa passiva preventive. Il tutto senza mai produrre le pianificazioni di sua spettanza. Una farsa che ha da finire, noi speriamo con le elezioni regionali del 2020 che ci prepariamo a vincere, perché il Pd finora e per anni ha preso in giro interi territori. Il risultato è sotto gli occhi di tutti».

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

A TORINO, NEL MESE DI NOVEMBRERITORNA L’IMPORTANTE MOSTRA DI ARTE

“Condivido le parole del ministro Gualtieri circa #Quota100 e #Redditodicittadinanza”.

“Le migrazioni non possono essere gestite con prigioni, torture, stupri.

“Io credo che il celibato dei sacerdoti abbia un grande

La manifestazione si svolgerà dal 18 al 20 ottobre nel

Il capogruppo M5s: “Possiamo sapere il nome di questa fantomatica

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.