EMERGENZA RIFIUTI PALERMO, ESPOSTO IN PROCURA DEL M5S: “DISSERVIZI RAP, RISCHIO PER SALUTE PUBBLICA”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
rifiuti

I consiglieri comunali e di circoscrizione del Movimento 5 Stelle di Palermo hanno presentato oggi, venerdì 12 luglio, un esposto in procura per la nuova emergenza rifiuti che sta vivendo la città di Palermo. “La situazione è insostenibile – affermano gli esponenti del M5S – La città è ricolma di ingenti quantità di rifiuti a causa dei disservizi che sono stati registrati in queste settimane. Dai cumuli di rifiuti accatastati e dispersi nei vari angoli della città, è scaturita una situazione di degrado tale che sono comparsi ratti e gabbiani. Si sono verificati diversi roghi nel territorio, appiccati da cittadini esasperati per la mancata raccolta, con conseguente rischio igienico-sanitario per via delle elevate temperature che hanno reso l’aria irrespirabile. Per questi motivi, facendoci portavoce della cittadinanza, abbiamo chiesto nel nostro esposto alla Procura della Repubblica di disporre gli opportuni accertamenti, valutando eventuali responsabilità o lesione di diritti, primo fra tutti quello alla salute dei cittadini palermitani”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

La prima firmataria Alessandra Nardini (Pd): “Volterra e Livorno interessate

Mola di Bari. Anna Tonelli, artista di insolita poliedricità che

Elena Bonetti, il ministro per le Pari Opportunità, la famiglia

Il senatore USA Bernie Sanders non è un rivoluzionario. Egli

AMBIENTE: BENVENUTI (ECOITALIASOLIDALE), A Taranto 600 bambini sono nati malformati

Sabato 15 giugno, con partenza da corso Principe Eugenio e

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.