Emergenze, nel nuovo parco mezzi CRI veicoli speciali per cinofili e soccorso acquatico

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
UNITA_CINOFILE

Un nuovo parco mezzi per rinforzare la capacità di risposta della Croce Rossa Italiana in caso di emergenze, calamità e catastrofi, aumentandone le possibilità di intervento in tutte le Regioni, in cui le nuove risorse sono state distribuite sulla base delle necessità, così da assicurare uno standard di risposta comune da Nord a Sud. Grazie a un piano di investimento supportato anche dal Dipartimento di Protezione Civile, la Croce Rossa sta così rinnovando la Colonna Mobile Nazionale con oltre 60 nuovi mezzi speciali, pronti a essere utilizzati per affrontare diverse situazioni, non solo d’emergenza.

Alcuni dei nuovi veicoli sono stati esposti durante la Fiera “Sicurezza 2019” a Milano, dedicata alle nuove tecnologie in fatto di emergenza, sicurezza e antincendio. Come i due Volkswagen Transporter 6 4×4: furgoni per le Unità Cinofile, pensati per ridurre al massimo lo stress degli animali e massimizzare l’operatività dei conduttori. Capaci di ospitare due Unità contemporaneamente, con sistema di video-sorveglianza, aria condizionata e un impianto dedicato alla cura e al lavaggio dei cani prima e dopo le operazioni. Il mezzo speciale, a trazione integrale per affrontare anche i terreni più difficili, è inoltre dotato di un impianto elettrico autonomo alimentato da un gruppo elettrogeno o dai pannelli solari posti sul tetto, così da ridurre l’impatto ambientale ed essere pronto per ogni occasione.

Grande interesse, durante la Fiera, anche per l’Iveco Daily 70C18H dedicato al Soccorso Acquatico. Veicolo speciale con un vano “asciutto” per riporre l’attrezzatura tecnica in armadi realizzati su misura e di un vano “umido”, con vasca e doccia per permettere agli operatori di vestirsi e lavare l’attrezzatura, e con uno spazio per stivare i motori fuoribordo, mossi grazie a un argano a motore. Sul tetto è inoltre presente una struttura per il trasporto di un gommone. Grazie ai sedili posteriori il mezzo speciale può portare fino a 5 passeggeri ed è pronto a trasformarsi in ufficio mobile.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

PRATO – Il dito di un grande angelo di cristallo

L’orrenda pratica dell’utero in affitto, noto anche come gestazione per

Erano anni che ci pensavo. Quando si arriva a una

marcozzi

REGIONE ABRUZZO FACCIA LA PROPRIA PARTE E DIA SEGUITO AL

Sulle nostre tavole c’è più pesce di quanto se ne

GENOVA – Anche in Liguria è arrivata la “Samara challenge”,

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.