#ENOTURISMO: GRAZIE AL DECRETO SI DÀ CONCRETEZZA AL SETTORE E SI CONSENTE AL TURISMO LEGATO AL VINO DI USCIRE FINALMENTE DALL’OMBRA

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
turismo

Con l’adozione del decreto sull’attività enoturistica, finalmente si dà attuazione e concretezza alla norma della #LeggediBilancio per il 2018 che definisce e disciplina per la prima volta nel nostro ordinamento l’enoturismo, cioè tutte quelle attività di conoscenza e promozione del vino, cui grazie a questa disposizione sono attribuiti gli stessi vantaggi fiscali degli agriturismo. Si tratta, infatti, di un provvedimento fortemente strategico, che consente al #turismo legato al #vino di uscire finalmente dall’ombra e di acquisire, grazie all’intervento dell’attuale Governo, maggiore dignità. Basti sapere che questo settore in #Italia vale più di 2,5 miliardi di euro all’anno, con 14 milioni di accessi di turisti e #winelover e che ora è destinato a crescere esponenzialmente. La norma della Legge di Bilancio chiarisce infatti chi potrà svolgere enoturismo: sono autorizzate solo le aziende agricole e di imbottigliamento situate in zone di vini #Docg, #Doc e #Igt che avranno la possibilità di fatturare degustazioni, visite in cantina, vendemmie esperienziali e ‘pacchetti’, equiparando la disciplina fiscale di queste attività a quella agrituristica. Mentre il regime forfettario dell’imposta sul valore aggiunto sarà applicato solo per i produttori agricoli che svolgono la propria attività nell’ambito di un’azienda agricola: alle cantine basterà presentare una ‘scia’ al comune di competenza per esercitare le attività di promozione e conoscenza del vino. Con il decreto sull’enoturismo si aprono nuovi scenari anche per il lavoro nel settore, attraverso cui costruire reti sociali ed economiche che connoteranno l’attività enoturistica come una specificità delle mete italiane: se facciamo sistema l’#Umbria e l’intero territorio nazionale con le sue eccellenze, potrà puntare in alto poiché le produzioni vitivinicole ed enogastronomiche sono, anzitutto, un elemento di cultura e una ricchezza da divulgare e fare conoscere ai viaggiatori.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Sabato 29 giugno per il Lagarina Jazz torna il contrabbassista

Confagricoltura ha accolto positivamente la notizia delle misure straordinarie concesse

Caro Landini, lei in una trasmissione televisiva ha detto “Serve

E’ una festa senza precedenti. La Misinto Bierfest, giunta alla

Centrato un ‘6’ al SuperEnalotto e al vincitore vanno esattamente

Se le dichiarazioni del sottosegretario al Lavoro Francesca Puglisi fossero

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.