ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Enza de Paolis: “Dal buio alla luce: la conquista di un’identità”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
thumbnail_ENZA DE PAOLIS Armonia del colore - fotografia ai sali d'argento su alluminio cm 100x80 2018

Dall’11 al 25 maggio 2019 al Museo MIIT di Torino

TORINO – Con inaugurazione sabato 11 maggio alle 17, Enza de Paolis sarà ospite a Torino di Italia Arte e della Galleria Folco nelle sale del Museo MIIT.

Con “Dal buio alla luce: la conquista di un’identità” l’autrice, Enza de Paolis, oltre alla esposizione delle sue opere, proporrà in contemporanea la presentazione del volume fotografico scritto dalla stessa, che illustra il suo percorso artistico e stilistico, edito da Italia Arte Edizioni.

“”Scrivere un libro su se stessi non è mai impresa semplice, se poi il racconto si dipana appassionatamente tra le pieghe dell’anima, allora l’impresa diventa ancora più ardua. ‘Dal buio alla luce. Enza De Paolis …la conquista di un’identità’ è quindi molto più di un bel libro fotografico, è lo specchio intimo e svelato dello spirito di un’artista e di una donna che ha saputo conquistare la sua libertà….” – scrive di lei Guido Folco, direttore del Museo – “…nella narrazione dell’autrice la fotografia, autentica protagonista e testimone della sua emancipazione, affiancata da brevi ma profondi pensieri e poesie, scandisce età e stagioni di un’esistenza intensa e a volte dura, ma sempre affrontata con piglio caparbio e ottimismo. Enza De Paolis ci regala così un affresco per immagini, parole e sentimenti di una vita vissuta alla perenne scoperta di sè, del mondo, della natura, rendendoci partecipi di un meraviglioso viaggio tra realtà, fantasia, speranza….”

Da parte nostra, osserviamo nelle opere della de Paolis, un classicismo fotografico figlio di una solida cultura e di una sensibilità caratteriale che pongono i suoi soggetti oltre “l’apparente iconico ed estetico” – pur attraente e coinvolgente – ponendoli e proponendoli, pur oggettivizzati, in una sfera emotiva e suggestiva personale che ogni individualità osservatrice può ricomporre in un soggettivo universo interiore. Impressionista, figurativo Ottocentesco, modernista o con forti richiami alla storia classica dell’arte… ogni soggetto, ovviamente, è impregnato, inoltre, di quei componenti culturali e caratteriale propri dell’autrice che sa essere, senza forzature, ora sognatrice, ora pragmatica ed altre volte inventrice di novità prospettiche per un “corpus” che è stato, prima di essere proposto, molto accuratamente selezionato e studiato.

L’arte di Enza De Paolis non è solo fotografia, quindi, ma lo specchio di un’intera vita, che l’autrice ha saputo trascrivere ed ora propone, attraverso sequenze, primi piani e vedute che richiamano tutti i sentimenti umani più nobili, dall’amore all’amicizia, dal sogno al desiderio di libertà, dai bucolici aspetti della natura a particolari della stessa sempre ricchi di valenze positive e cromie vivificanti.

Enza de Paolis. Dal buio alla luce. La conquista di un’identità. Dall’11 al 25 maggio 2019. Inaugurazione sabato 11 alle 17. Orari: da martedì a sabato dalle 15.30 alle 19.30 su appuntamento domenica, lunedì e festivi per visite guidate, gruppi, scolaresche. Museo MIIT Corso Cairoli 4 – TORINO – tel. 011.8129776 – 334.3135903 – WWW.museomiit.it – [email protected] Ingresso libero.

Nella foto: Armonia del colore – fotografia ai sali d’argento su alluminio cm 100×80 2018

Franco Cortese Notizie in un click

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

maltempo

Con l’ultima ondata di maltempo sale il conto degli eventi

I consiglieri regionali del Partito democratico chiedono l’intervento della Regione

È stato bellissimo trovare tanti cittadini presentarsi spontaneamente all’appello del

covid

ARTICOLO TRATTO DA IMOLAOGGI.IT Il giornalista cattolico Maurizio Scandurra analizza

autostrade

Teresa Bellanova, viceministra alle Infrastrutture e Mobilità sostenibili, oggi e

“Io sono un amico di vecchia data di Veltroni e

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.