ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Episodi di violenza sugli animali: l’intervento dell’assessore Simona Cresci

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
animali

PIOMBINO (LI) –  Siamo preoccupati per i vari e recenti episodi di violenza su alcuni cani della zona; si tratta di atti deprecabili che condanniamo con forza perché sintomi di gravi propensioni alla violenza. Violenza che è chiaro segnale di atteggiamento antisociale e deviante che non deve e non può essere ignorato. Ricordiamo che oggi in Italia vige una normativa contro il maltrattamento degli animali che protegge il loro sentimento e non semplicemente la morale umana. Questo tipo di reati prevedono non solo multe pecuniarie ma anche il carcere, ai sensi del Codice Penale.
Riteniamo che un problema profondo e di questo peso va risolto anche a monte: deve definitivamente essere estirpata la cultura dell’animale come oggetto di cui si può disporre a proprio piacimento. Solo così possiamo eliminare il sadismo che spesso l’accompagna.
Invitiamo i proprietari ad essere più vigili del solito ed i cittadini a segnalare agli enti preposti ogni episodio o comportamento che possa destare preoccupazione.

Simona Cresci, assessore alle Politiche animali

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Nella crisi sanitaria indotta dal Covid-19, gli anziani ricoverati in

Si sono appena spenti i riflettori sulla vicenda di Carola

Nel Lazio gli impianti sono semivuoti ma si paga il

NAPOLI – L’integrazione delle mafie nel mercato delle imprese è

Senza precedenti che ci mettessero alle spalle quest’incubo senza fine.

“Con legge 212 del 20 dicembre 2017 il Parlamento italiano

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.