EUROSTAT: IN CAMPANIA 41,4% POPOLAZIONE A RISCHIO POVERTÀ

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
poverta

CODACONS: DATI VERGOGNOSI, CAMPANIA E’ FANALINO DI CODA D’EUROPA. IN ITALIA ANCORA CITTADINI DI SERIE B

La Campania è a tutti gli effetti il fanalino di coda d’Europa per il livello di povertà, registrando il più alto numero di cittadini a rischio, con un netto peggioramento rispetto al 2017. Lo afferma il Codacons, commentando i dati Eurostat secondo cui in Campania la percentuale di coloro che sono a rischio povertà è pari 41,4%.
“Si tratta di dati vergognosi che attestano un sensibile peggioramento delle condizioni economiche dei cittadini che risiedono nel Mezzogiorno – afferma il presidente Carlo Rienzi – In Sicilia e in Campania più di 4 abitanti su 10 risultano e rischio povertà, e i numeri di Eurostat dimostrano che poco o nulla è stato fatto per combattere tale piaga sociale ed economica: purtroppo nel nostro paese esistono ancora cittadini che lo Stato considera di serie B, poiché vivono in aree abbandonate a se stesse e in condizioni di grave difficoltà, dove i dati economici sono addirittura peggiori della Grecia e in costante peggioramento”.

Sezioni: Comunicati stampa

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Chiamarlo così non è molto felice ma rende l’idea. In

TRIESTE – Trieste capitale mondiale della musica: dal 24 al

CODACONS: SI CONFERMA CRISI CONSUMI. ITALIA SPEZZATA IN DUE SUL

RICCIONE – Oltre 500 studenti di 21 classi delle scuole primarie

LIGNANO: GIOVEDì 27 GIUGNO AL PALAPINETA PER GLI “INCONTRI CON

MARTEDI’ 23 LUGLIO ORE 17 GIARDINI LUZZATI SPAZIO COMUNE Genova

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.