Facebook censura solo se parli di Mussolini. Ma se invece inneggi a Stalin…

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
stalin-

Facebook dopo lo scandalo, ormai un anno fa, Cambridge Analytica, aveva pubblicato un documento con le sue linee guida con tanto di regole per gli iscritti. Attraverso questo, Zuckerberger e i suoi, cercava di riacquistare fiducia ma soprattutto far in modo che FB fosse un luogo sicuro e aperto alle idee di tutti. Bastava che venissero rispettate le regole. Fin qui tutto non fa una piega. È giusto che vi siano delle regole da seguire. Peccato però che queste regole siano spesso a senso unico e vengano toccate solo alcune persone e non altre. C’è uno strano modo di valutare post, commenti, foto, pagine. Puoi parlare della storia di Stalin o nominare Lenin. Ma se scrivi della storia del Ventennio e scrivi il cognome Mussolini o la parola Duce. Allora automaticamente la mannaia di FB arriva. Così vediamo, che queste strane regole,vengono applicate anche per le foto. Se pubblichi una foto di Mussolini mentre sorride o con la famiglia commetti un reato punibile con la censura di 30 giorni o addirittura che il profilo venga disattivato. Però se la stessa foto la vedi capovolta in una pagina dove si prende in giro o si condanna Mussolini e un periodo della nostra storia italiana. Allora non si trasgrediscono le regole, tutto è permesso! Se andiamo ad analizzare la foto non capovolta è incitamento all’odio, e l’altra invece no. Ma se è la stessa foto, come può essere? Sono regole delle quali sinceramente si fa fatica a comprenderne il significato. Proprio per questo ho indetto una protesta. In molti la stanno applicando, scriviamo sui nostri profili e pagine la frase “Io non ci sto. Io esisto e ho le mie idee #bastacensure #protesta” e cerchiamo di non pubblicare altro. Sono giorni che andiamo avanti ed ecco che capita ancora qualcosa di più assurdo. Ad una persona hanno detto che questa frase viola gli standard di FB e l’hanno bloccata per 30 giorni. Allora mi domando la censura di Facebook è rivolta solo ed esclusivamente verso alcune persone che non sono “inquadrate” in una linea politica ben delineata o è valida per tutti? Leggendo attentamente e guardando Facebook forse vale solo per alcuni. A questo punto sarebbe opportuno che la politica intervenisse cercando di tutelare quella democrazia di cui molti si riempiono la bocca ma che poi nella realtà dei fatti viene applicata solo per alcuni e non per altri   fonte https://www.secoloditalia.it

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Apre il programma la Fondazione Sacro cuore con “The giver”

Delle famiglie con minori sono state sgomberate in questo inizio

Prosegue l’operazione di sgombero delle spiagge. Stamattina con l’Assessore Musolino

Gli attacchi di Repubblica al MoVimento 5 Stelle non fanno

Non è semplice valutare la grandezza di un numero… grande.

PROCEDIMENTO DISCIPLINARE CONTRO AUTORI DELLE DIRETTIVE CONTRO DIVIETO SPOT AI

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.