Fase 2, Musumeci: “Da giugno ‘patente sanitaria’ per turisti in Sicilia'”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
musumecin

Anche la Sicilia, dopo la Sardegna, pensa a una ‘patente sanitaria’ prima di fare ingresso nell’isola. Ne è convinto il governatore siciliano Nello Musumeci, che lo ha annunciato a Radio 1 Rai. Parlando della riapertura dell’isola dal 3 giugno, Musumeci ha detto: “A decidere non sarà la politica ma i numeri, la curva epidemiologica. E’ lì che sta la cabina di regia. Se non aumentano i contagi abbiamo ragione di aprire alle altre regioni dal 3 giugno. E se anche questo dovesse andare bene potremmo pensare anche all’arrivo di turisti stranieri, adottando tutti gli accorgimenti previsti. Penso a una sorta di ‘patente'”.

“Servirebbe una sorta di ‘patente’, si tratta di definire qual è il criterio – dice ancora Musumeci – Ma si tratta di soluzioni parziali, perché il virus continua a essere presente anche in soggetti asintomatici”. “Credo che bisognerà adottare una soluzione – dice Musumeci – intanto pensiamo a un turismo autoctono, composto da siciliani che si muovono da un posto all’altro della Sicilia, sono 2 milioni di persone”.
Prossimo video: Taormina tra la paura e la speranza che tornino i turisti

Ma quando apriranno gli stabilimenti balneari in Sicilia? Musumeci ha detto che “domani si terrà un incontro con i gestori e i rappresentanti dei sindacati dei gestori balneari e saranno loro a dirci se sono pronti ad aprire”. “Noi, da tre settimane abbiamo dato l’ok alla manutenzione e domani sapremo se pensano di aprire ai primi di giugno o a metà giugno, è chiaro che bisogna stabilire delle regole”, ha aggiunto Musumeci.

Infine, dopo le polemiche sugli assembramenti di giovani nella zona della Vucciria a Palermo nel primo giorno dopo la fine del lockdown, il governatore si è detto “convinto che non sarà necessario ricorrere a nuove restrizioni in Sicilia. I siciliani hanno dimostrato di essere responsabili”. “L’esuberanza giovanile e la voglia di riassaporare la libertà ha potuto determinare alcune situazioni critiche perché stare senza mascherina a distanza ravvicinata e creare assembramenti è tutto quello che viene sconsigliato dai tecnici, ma sono convinto che i siciliani abbiano senso di responsabilità, come hanno dimostrato in otto settimane”, ha aggiunto Musumeci che poi ha annunciato: in Sicilia a partire dall’8 giugno le discoteche potranno restare aperte solo “se si tratta di un luogo dove ascoltare musica all’aperto. Noi siamo pronti, mentre se è un luogo dove mettere 50 persone su 50/60 metri, allora diventa difficile”. “Qui dobbiamo capire che siamo in condizione di emergenza – dice ancora Musumeci – a piccole fette possiamo mangiare la torta ma senza abbuffarci”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

GENOVA – E’ approdata al terminal Psa di Genova Prà

“Una sconfitta scritta figlia di un accordo sbagliato nei tempi

Nuovi conduttori, ospiti internazionali e il raddoppio degli appuntamenti serali

In fase di valutazione anche il potenziamento del servizio nei

di Mario GIORDANO Di casi in cui le aziende farmaceutiche

Earth Alliance annuncia 5 milioni di dollari per aiutare a

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.