Fedriga, Udinese realtà preziosa anche per promuovere turismo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
thumb500_76093_uDINESE

Udine – Un’occasione per salutare giocatori, staff tecnico e dirigenti a pochi giorni dall’esordio in campionato, previsto domenica prossima contro il Milan, e per sottolineare il valore dello sport quale collante sociale e veicolo di promozione turistica del territorio.

Ospite dell’Udinese, il governatore Massimiliano Fedriga – accompagnato allo Stadio Friuli dagli assessori al Turismo, Sergio Emidio Bini, e allo Sport, Tiziana Gibelli, nonché dal direttore generale di PromoTurismo Fvg, Lucio Gomiero – ha voluto così rimarcare la vicinanza dell’Amministrazione alla squadra bianconera, ambasciatrice del Friuli Venezia Giulia nel mondo.

Rivolgendosi agli uomini di mister Tudor, radunatisi nel cerchio di centrocampo, Fedriga ha posto l’accento su quanto lo sport non rappresenti solo l’esaltazione di qualità tecniche e atletiche ma, ben di più, un punto fermo su cui consolidare, attraverso il sacrificio e il lavoro, la rete di relazioni umane che è alle fondamenta della nostra società.

Particolare attenzione è stata infine attribuita al binomio sport-turismo che, secondo Fedriga, costituisce “una delle maggiori risorse per la promozione del Friuli Venezia Giulia, che deve saper sfruttare nel migliore dei modi le opportunità offerte dall’incontro con i tifosi di altre città e, soprattutto, dalla visibilità garantita dai media a campionati di vertice come quello di Serie A”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

2019 anno nero della sicurezza sul lavoro. Oggi il presidio

Senatore Matteo Renzi, lei è stato il primo a dire

Cosa ci fanno un tablet e tre telefoni cellulari dentro

L’Istat stima una variazione nulla rispetto al mese precedente e

Scatta la nuova prescrizione. La riforma, contenuta nel ddl Anticorruzione

La CGIL e la FILLEA di Catania, analizzando i dati

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.