Feltri contro Parenzo: «Devo ricredermi, non è uno sciocco. È molto peggio»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
feltri

Vittorio Feltri ancora una volta contro David Parenzo, il conduttore di In Onda, trasmissione politica su La7. «Devo ricredermi. Parenzo non è sciocco. È molto peggio». Il direttore editoriale di Libero con pochissime parole demolisce il giornalista. Come ricorda Libero non è però la prima volta che i due si scambiano insulti. Era capitato qualche mese fa, quando Feltri, intervenuto alla Zanzara (di cui Parenzo era il conduttore) aveva esordito bevendo una coppa di champagne. «Ma ti pare che uno dice che i meridionali

E Feltri aveva immediatamente contraccambiato: «Ho lavorato da stamattina alle dieci fino alle venti, dov’è il problema? Non sarò libero di andare a mangiarmi un boccone e bere un po’ di champagne? Alla faccia di Parenzo. Ma che te frega, Parenzo, perché voi ebrei non bevete lo champagne? Bevetelo sto champagne, così sareste un po’ più allegri e non mi rompereste i co*****i con la Shoah. E Madonna, sono decenni che rompono i co*****i con la Shoah, ma basta. Per l’amor di Dio. Non se ne può più».                                  fonte https://www.secoloditalia.it/

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Una partnership industriale per Alitalia. E’ questa la proposta contenuta

“Il turismo dell’olio è finalmente tra le priorità del Governo”.

Gli Stati Uniti e la Corea del Sud hanno interrotto

Roma  “La gente di mare svolge un ruolo fondamentale nel

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha licenziato due

Si prospetta una giornata da incubo quella di oggi, nel

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.