ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Fipe: “Il legislatore dimentica la ristorazione italiana”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
ristorante

“Dalle prime bozze che circolano del Decreto per misure urgenti di sostengo alle imprese, il Governo ignora totalmente l’esistenza di un settore, quello della somministrazione, che ha perso l’80% di fatturato anche per colpa delle follie comunicative di questi giorni”

Le imprese italiane della ristorazione e dell’intrattenimento, considerate da tutto il mondo il fiore all’occhiello dell’accoglienza italiana, sono invece trasparenti agli occhi del Governo e del legislatore italiano. Neppure una riga e neppure un provvedimento per sostenere le imprese di questo settore, fino a ieri trainante per il turismo e l’economia italiana, sono presenti nel decreto del Governo che dovrebbe essere pubblicato domani. I pubblici esercizi (bar, ristoranti, pizzerie, locali di intrattenimento e società di banqueting) sono quelli che più di ogni altro settore hanno pagato le follie comunicative di questi giorni e oggi vengono ripagati con il silenzio più assoluto. “I nostri imprenditori e i nostri lavoratori – afferma Roberto Calugi Direttore Generale di Fipe, la federazione italiana dei pubblici esercizi – sono stanchi di essere invisibili per i politici e il legislatore. Non si stupiscano quindi se, entrando in un bar o in un ristorante, risulteranno invisibili a loro volta”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

violenza

103 LE DENUNCE PRESENTATE ALLE AUTORITA’ COMPETENTI CODACONS DENUNCIA IL

Con una quotazione tra i 300 euro all’ettogrammo per le

ROTA: “A RISCHIO ANCHE LIBERTÀ SINDACALI E PROGETTI DI SVILUPPO,

#Salvini a #ottoemezzo: “Passo le mie giornate occupandomi di mafia,

Un cittadino tunisino, in Italia senza permesso di soggiorno e

Questo virus malefico insidia i nostri cari, le nostre famiglie

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.