ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Fisco: Cgil, Cisl, Uil, lotta a evasione priorità assoluta. Rendere più efficace il cashback

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
soldi

Roma  – “In Italia, ogni anno, si registrano 110 miliardi di evasione. La lotta all’evasione fiscale deve essere priorità assoluta. Il cashback, incentivando l’uso della moneta elettronica, costituisce uno degli strumenti per contrastare con determinazione questo fenomeno”. Ad affermarlo in una nota unitaria la vicesegretaria generale della Cgil Gianna Fracassi e i segretari confederali di Cisl e Uil Giulio Romani e Domenico Proietti.

“Alla luce di questi primi mesi – sottolineano i tre dirigenti sindacali – è necessario un intervento per rendere più efficace questo strumento eliminando la possibilità di fare micro pagamenti artificiosamente frazionati e di utilizzarlo impropriamente. Le risorse destinate al cashback sono un investimento e servono a favorire un forte recupero di risorse economiche. Sarebbe una beffa se un eventuale cambio di destinazione di queste somme premiasse gli evasori fiscali anziché rafforzare la lotta all’evasione stessa”.

Per Fracassi, Romani e Proietti “è importante che tutti gli strumenti di facilitazione ed incentivo dei pagamenti tracciabili continuino ad essere messi in campo affinché l’Agenzia delle Entrate abbia la possibilità di utilizzare banche dati più ricche possibile, anche alla luce del sostegno dell’Unione al progetto ‘A data driven approach to tax evasion risk analysis in Italy’ che dovrebbe – ricordano – introdurre strumenti innovativi di analisi dei profili di rischio dei contribuenti, unico mezzo efficace contro l’infedeltà fiscale”.

“L’unica pace fiscale da fare è quella con i lavoratori dipendenti e pensionati che prima pagano le tasse e poi prendono lo stipendio e la pensione. Si valutino piuttosto gli strumenti utili a risolvere la questione delle cartelle ormai obiettivamente non più recuperabili, al fine di ottimizzare il lavoro di AdER, evitando cancellazioni generalizzate e senza indulgere in un ennesimo condono a favore dei tanti evasori, offensivo – concludono Fracassi, Romani e Proietti – per coloro che hanno invece sempre pagato il dovuto”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Sono 39.760 le persone che hanno avuto un contratto di

Da quando il virus Sars-Cov-2 ha fatto la sua comparsa

CODACONS: DATI PREOCCUPANTI, ECONOMIA ITALIANA ARRANCA TRA CONSUMI FERMI E

PALERMO – La polizia municipale, nell’ambito delle azioni finalizzate al

virus

A DOMANDA DI UNA GIORNALISTA IN CONFERENZA STAMPA RISPONDE NEGANDO

travaglio

Dopo averlo un po’ bistrattato, diamo la parola al generalissimo

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.