ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Fisco, evasione a 110 mld: Irpef al top

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
evasione

L’evasione tributaria e contributiva in Italia sfiora i 110 miliardi di euro. La fetta maggiore del denaro sottratto alle casse dello Stato è legata alle tasse, pari a oltre 96 miliardi di euro; mentre mancano all’appello poco più di 11 miliardi di contributi previdenziali. Ed è l’Irpef (prelievo sui redditi delle persone fisiche) con quasi 38 miliardi la “regina” dei balzelli “preferiti” dagli evasori, seguita a ruota dall’Iva, con oltre 36 miliardi.

In totale, le aziende riescono a nascondere quasi 14 miliardi, sommando gli 8,6 miliardi di Ires (imposta reddito societario) e i 5,2 miliardi di Irap (imposta regionale sulle attività produttive). È quanto emerge da un’analisi del Centro studi di Unimpresa secondo la quale il fisco non riesce a incassare, inoltre, 5 miliardi di Imu (imposta municipale sugli immobili) e 1,7 miliardi di accise sui prodotti energetici. In totale, ogni anno mancano alle casse dello Stato 107,3 miliardi di euro.

“Se il governo varasse una riforma fiscale rigorosa, ma improntata all’equità, e non a tappe, ma chiara, equa e giusta, riuscirebbe anche a colmare il gap di gettito, in un triennio, perché per i contribuenti che oggi evadono sarebbe più conveniente onorare impegni e scadenze piuttosto che correre il rischio di accertamenti e di pesanti sanzioni”, commenta il segretario generale di Unimpresa, Raffaele Lauro.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

papa

Occorre una “transizione energetica: una sostituzione progressiva, ma senza indugio,

Il titolo di campione di Germania, il trentesimo della storia

fiume

«Per il secondo anno consecutivo (e non era mai accaduto

Teoria dell’illusione finanziaria di Amilcare Puviani, grande scienziato delle finanze

viola

Non è possibile avere paesi europei in cui il vaccino

Si sono tenute nella giornata di ieri, martedì 4 giugno,

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.