ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Forbes, boom di ‘Paperoni’ in anno pandemia: Bezos il più ricco

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
bezos

Si arricchisce il numero di miliardari nell’anno della pandemia: il loro numero nella 35a classifica annuale di Forbes è cresciuto di 660 unità, a 2.755 – un aumento di circa il 30% rispetto a un anno fa – con ben 493 esordienti. E ben otto di loro sono più ricchi di quanto non fossero prima della pandemia. Forbes ha calcolato il patrimonio netto utilizzando i prezzi delle azioni e i tassi di cambio dal 5 marzo. Il fondatore di Amazon Jeff Bezos, con una fortuna stimata di 177 miliardi di dollari è in cima alla lista per il quarto anno consecutivo.

L’amministratore delegato di Tesla Elon Musk è arrivato al numero 2 con 151 miliardi di dollari. Le azioni di entrambe le società sono aumentate vertiginosamente lo scorso anno, contribuendo in gran parte al patrimonio netto di entrambi gli uomini e inducendoli a passare al titolo di uomo più ricco in varie liste. Bezos, che si dimetterà dalla carica di Ceodi Amazon e diventerà presidente esecutivo quest’anno, possiede anche il Washington Post e Blue Origin, una società aerospaziale che sta sviluppando razzi per uso commerciale.

Tra i primi cinque ‘Paperoni’ ci sono Bernard Arnault (150 miliardi), che supervisiona Lvmh, un impero di 70 marchi di bellezza e moda di lusso tra cui Louis Vuitton e Sephora; Bill Gates (124 miliardi), il fondatore di Microsoft e co-presidente della Bill Melinda Gates Foundation, la più grande fondazione di beneficenza privata del mondo; e Mark Zuckerberg (97 miliardi), Ceo e co-fondatore di Facebook.

La persona più ricca d’Italia, Giovanni Ferrero il patron di Nutella, Tic Tac e Kinder, ha visto un aumento di 10,6 miliardi di dollari del suo patrimonio netto, a 35,1 miliardi. Alla lista dei Paperoni tricolore si aggiungono 11 nuovi miliardari, tra cui Marina e Giuliana Caprotti, che hanno preso il controllo della catena di supermercati Esselunga, e Sergio Stevanato dell’azienda di packaging medicale Stevanato Group.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Un certo Jimmy Shoulder, perché considerato “troppo basso”. Jamie Vardy

MA LE CORSE NON MANCANO MAI Provare scenari agonistici inediti.

crisanti

Chi si chiedesse perchè il Veneto è la Regione che

pezzopane

Rischio blocco e rallentamento cantieri, ho presentato emendamento per fermare

vaccino

Vaccinazione Covid-19. La Ugl a fianco degli odontoiatri e dei

In un’intervista al quotidiano “La Repubblica” il nuovo presidente di

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.