Frana sull’autostrada Torino-Aosta

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
frana2

Frana sull’autostrada Torino-Aosta: in via di definizione il piano di emergenza in caso di chiusura al traffico

Incontro tecnico questa mattina in Prefettura a Torino dedicato alla frana che incombe sul tratto dell’autostrada A5 Torino – Aosta, all’altezza della località Chiapetti nel comune di Quincinetto: la decisione del blocco aveva dato origine a forti disagi per la popolazione ed il traffico locale in tutta la zona.
Lo smottamento infatti aveva generato un improvviso stop ai veicoli nello scorso mese di giugno, dopo le segnalazioni dei sensori che da tempo tengono sotto controllo la parete, tra i caselli di Ivrea e Pont Saint Martin in entrambe le direzioni.
Nella eventuale ipotesi di nuove interruzioni in caso di allerta, da parte della società Ativa che gestisce quel tratto di autostrada (mentre il tratto in territorio valdostano è gestito dalla concessionaria Sav), sono stati stabiliti durante l’incontro il Prefettura i termini su cui operare rispetto al movimento franoso ed anche in riferimento al livello di precipitazioni previste sull’area.
Grazie ad un piano studiato dagli uffici tecnici della Città metropolitana è stata individuata una viabilità secondaria alternativa all’autostrada, con il coinvolgimento della Protezione civile, Polizia locale ed altri soggetti competenti in materia.
Su tema del rinnovo delle concessioni autostradali intanto il vicesindaco metropolitano Marco Marocco ribadisce che “il Ministero dei Trasporti, cui spetta il compito di presentare il bando per il rinnovo delle concessioni, non può ignorare il ruolo e le competenze della Città metropolitana. Abbiamo presenziato agli ultimi incontri organizzati in questi giorni anche dalla Regione Piemonte – ha ricordato Marocco – quello delle concessioni è un tema affrontato a partire dal 2017 e comprende il bando per il rinnovo della concessione attualmente in capo ad Ativa e la soppressione di alcuni caselli. Stiamo lavorando per migliorare la mobilità di tutto il nostro territorio”.

Carlo Prandi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Milano scalda i motori per la settimana della moda, che

Abbiamo parlato dei 6 porti e delle 2 regioni, per

L’Italia si aspetta “lealtà dai partner europei”. Il ministro degli

“Da giorni la situazione tra Iran e Stati Uniti si

Dopo un primo trimestre 2019 segnato dalla siccità, con circa

Caro direttore, sono molto belle le magliette dei ragazzi del

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.