Furti in casa 4.0, durante le vacanze anche ladri e truffatori sono ‘smart’

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
haker

GENOVA – Le feste natalizie ormai alle porte si celebreranno anche online: a breve i profili social dei genovesi si coloreranno con foto della settimana bianca e dei regali scambiati e scartati davanti al panettone. Ma attenzione agli sguardi indiscreti. Come rivela infatti l’ultima ricerca dell’Osservatorio di una compagnia assicurativa, due genovesi su tre (64%) temono che un’eccessiva visibilità sui social network possa esporre la propria casa a un maggior rischio di furti e per questo ritengono che occorra fare un uso accorto e consapevole di queste piattaforme, evitando di condividere, specie pubblicamente, troppe informazioni su di sé.

Proprio le vacanze, tra l’altro, sono indicate dal 50% degli intervistati come uno dei momenti in cui si teme di più che i ladri possano introdursi in casa. Un ulteriore 38% dichiara di aver più paura di un’intrusione notturna, mentre si dorme; infine, il 12% teme che avvenga di giorno, indipendentemente dal fatto che ci sia qualcuno in casa o meno. Subire un furto o una rapina nella propria casa spaventa per diverse ragioni: per il rischio di subire un’aggressione (32%) e per il danno economico derivante da atti vandalici (30%) o dalla perdita di preziosi (4%). Ma a pesare, per un ulteriore 22%, sono anche le conseguenze emotive legate all’evento.

Come difendersi, allora, dalle intrusioni indesiderate? Tra le soluzioni migliori, per il 16% dei genovesi, c’è la stipula di una polizza contro i furti, che risarcisca dagli eventuali danni subiti. Altre soluzioni indicate dagli abitanti del capoluogo ligure, c’è quella di rafforzare i dispositivi di sicurezza di porte e finestre (12%) o installare un impianto di allarme (10%). Tuttavia, il 62% dei genovesi ha dichiarato di non aver adottato nessuna misura di protezione della propria casa nell’ultimo anno, a causa del costo eccessivo.

Talvolta ci si arrangia con deterrenti alternativi, come allarmi “artigianali” realizzati con oggetti messi davanti a porte e finestre che, se spostati, fanno rumore (24%) o lasciare la luce accesa anche di notte o quando si esce per fingere una presenza vigile nel domicilio (8%). E c’è chi, quando è fuori casa, si affida al vicino per controllare la propria abitazione (30%).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“L’amministrazione comunale di Ladispoli invia un caloroso in bocca al

GENOVA – Vanno avanti i lavori di costruzione del nuovo

Milano – Il momento più atteso dell’anno da tutti i

Quello di oggi non sarà un Consiglio europeo come tutti

Emendamento Fdi per rafforzare sicurezza e contenere epidemia Covid-19 “Fratelli

Vivo in questo posto meraviglioso sulle pendici del Mongibello. Dalla

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.