FuturDome è lieto di presentare la prima mostra personale a Milano di Andrea Bocca

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
notizieinunclick

LEA PORSAGER

ANDREA BOCCA

FOS (Thomas Poulsen)

09 09 2020

Tra oggi e il 12 settembre FuturDome inaugura

tre interventi espositivi e performativi

dedicati a tre diversi artisti

in via Giovanni Paisiello 6

e nella chiesa di San Celso in corso Italia 37 a Milano.

LEA PORSAGER

ATU XIV ART’

a cura di

Atto Belloli Ardessi e Ginevra Bria

Inaugurazione:

mercoledì 9 settembre 2020

ore 18.30 – 21.00

Date della mostra:

10 settembre – 15 dicembre 2020

Orari:

dal 10 settembre al 15 dicembre 2020: da mercoledì a sabato, ore 16.00 – 19.30

Ingresso gratuito

FuturDome

via Giovanni Paisiello 6 – 20131 Milano

Il 9 settembre, in omaggio al vuoto che ha segnato Milano, il più esteso intervento installativo mai realizzatonell’area mediterranea da Lea Porsager, verrà reso pubblico e visitabile in FuturDome fino al 15 dicembre 2020. ATU XIV ‘ART’ (alchimia) è un’opera monumentale che sovverte ferocemente i fenomeni fisici come effetti di gravità e parallasse, esaltando il rapporto tra spazio e vuoto, come campi di battaglia di forze invisibili. L’opera sarà documentata nella prossima pubblicazione retrospettiva di Porsager, pubblicata da Mousse Publishing (www.mous- sepublishing.com), in occasione dell’inaugurazione della sua mostra personale al Moderna Museet di Stoccolma, a novembre 2020. La mostra monografica si trasferirà in diversi musei scandinavi nel 2021.

Parallelamente ad ATU XIV ‘ART’, verranno proiettate parti inedite del film THE ANATTA EXPERIMENT girato da Porsager nel 2012 ad Ascona per dOCUMENTA(13), il film e gli extra inediti saranno accompagnati da una istallazione site specific eseguita nei seminterrati di FuturDome.
THE ANATTA EXPERIMENT ruota intorno al Monte Verità ad Ascona, in Svizzera. All’inizio del 1900, questa collina è stata una pietra miliare per la ribellione spirituale, attirando anarchici, sostenitori dell’amore libero, dadaisti, teosofi, psicoanalisti e occultisti, che rifiutavano una società sempre più materialista.

Alla fine dell’estate 2011, sette amici sono stati invitati da Porsager a Casa Anatta, l’edificio principale del Monte Verità, nei suoi ultimi momenti prima di essere sottoposto a un importante restauro. Casa Anatta è diventata teatro di una settimana di “caduta verticale” nelle leggi tantriche e nei processi normalmente oscurati dal rumore della produttività, trovando infine il suo fulcro nell’archivio di Harald Szeemann e nella sua sconcertante Strukturmutter del 1978.

ANDREA BOCCA

UKIYO

a cura di

Atto Belloli Ardessi e Ginevra Bria

Inaugurazione:

mercoledì 9 settembre 2020

ore 18.30 – 21.00

Date della mostra:

10 settembre – 15 dicembre 2020

Orari:

dal 10 settembre al 15 dicembre 2020: da mercoledì a sabato, ore 16.00 – 19.30

Ingresso gratuito

FuturDome

via Giovanni Paisiello 6 – 20131 Milano

FuturDome è lieto di presentare la prima mostra personale a Milano di Andrea Bocca (1996, Crema).
Un percorso che trova luogo negli attici dell’edificio, proponendo una nuova serie di sculture, posizionate nelle stanze come punti geografici e di orientamento. L’artista ha ragionato su aree e superfici suddivise in fasce architettoniche, percorrendo i corridoi d’entrata come spazi di passaggio, tra un prima e un dopo. Canalizzatori di spazio e tempo.
Bocca, incorpora con il proprio lavoro l’isolamento della parte più alta e luminosa di FuturDome, ispirandosi a Hiroshige (1797-1828), il grande maestro del paesaggio giapponese per mettere in atto un processo scultoreo di pittura idealizzante, attraverso l’utilizzo di colori sfumati dei rossi, dei verdi e dei blu, così come dei toni di grigi, che emergono nell’adattare diverse metodologie di stampa e trovando la tridimensionalità nei volumi principali degli ambienti.

Il titolo della mostra UKIYO trae spunto dalla pubblicazione delle Cinquanta Stazioni della Tokaydo (1832-1834) di Hiroshige. La parola ukiyo-e significa letteralmente immagini da un mondo fluttuante e trae la sua origine dal concetto buddista dell’illusorietà dell’esistenza terrena. Le immagini prospettiche venivano allora definite fluenti o fluttuanti (ukiyo, 浮世), un termine che descriveva il fenomeno per il quale lo spazio della composizione o la profondità dell’immagine si avvicina all’osservatore e ne cattura lo sguardo.

Ispirato a questo cambio di paradigma ottico, Bocca applica, per UKIYO, non solo una prospettiva centrale ma esercita una prospettiva a volo d’uccello, astraendo una geometria decorativa e piatta che utilizza le sfumature cromatiche per smaterializzare le sfaccettature delle superfici, come a portare ogni traccia dei gesti impressi al centro di una scena teatrale. Il risultato finale è l’installazione di serie inedite di interventi scultorei, avvalendosi anche della collaborazione artistica di Mida Fiore (1996, Potenza).
FOS

SMALL WHITE MAN
a cura di
Atto Belloli Ardessi e Ginevra Bria

Performance:

martedì 8 settembre 2020

ore 18.00 – 22.00

Chiesa di San Celso

Corso Italia 37 – 20121 Milano

Video installazione:

sabato 12 settembre 2020, ore 19.00 – 22.00
FuturDome
via Giovanni Paisiello 6 – 20131 Milano

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

FOS (Thomas Poulsen) (1971, Danimarca) presenta per la prima volta in Italia la sua performance Small White Man, l’8 settembre presso gli spazi di San Celso (Corso Italia) e replicherà durante la notte bianca dell’arte sabato 12 settembre in FuturDome. Attraverso una serie di rituali legati all’improvvisazione, svilupperà un concerto all’interno del quale le frequenze immateriali della musica interagiranno con diversi oggetti, creando elegie simultanee. Un intervento architettonico temporaneo che trasformerà parte della Chiesa di San Celso (Corso Italia 37, 20121 Milano) in studi di registrazione. Utilizzando 190 metri di viola Divina, colore 692 e 984, l’artista costruirà una stanza temporanea, una sorta di grembo musicale, dove, nel corso di quattro ore, il suo progetto musicale in corso Small White Man registrerà il suo secondo album. Concepito nel 2010, Small White Man è un’elegia musicale basata su un quadro “dirigenziale” per l’improvvisazione musicale attraverso un semplice sistema di lampadine colorate che vengono accese e spente dall’artista. Questo sistema gli permette di condurre e co-comporre improvvisazioni musicali con un gruppo di musicisti che suonano insieme per la prima volta.

Il successo di questa strategia si basa fortemente sull’intuizione dei partecipanti, cancellando la separazione tra musicisti e direttore d’orchestra, che insieme diventano una terza unità.

INFO:

FuturDome

via Giovanni Paisiello 6 | 20131 Milano

T. +39 02.87186745

futurdome@futurdome.org

www.futurdome.org

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Con statistiche e percentuali c’è sempre il rischio di fare

“Sarebbe bello domandare in questi giorni a quelli che hanno

Da Roma spuntano 25 milioni di euro per progetti di

Rimane una peculiarità maschile, perché ai principali fattori di rischio

Anthony Mann lo avrebbe chiamato “Il Regno del Terrore”. Il

Consueto pranzo di Natale per i poveri organizzato dalla comunità

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.