ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Galli: “Chiudere le aree dove è necessario”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
galli

Massimo Galli ha spiegato l’incidenza che la variante inglese avrà nel nostro Paese. Ospite a Cartabianca, trasmissione condotta da Bianca Berlinguer su Rai3, il virologo sottolinea che “la variante inglese è destinata a diventare prevalente, ha il 40 per cento in più di capacità di diffondersi. Anche tra i bambini. Non uccide di più, ma rischia di far ammalare più persone. E questo è un grave problema dal punto di vista epidemiologico”.

Inoltre il primario dell’Ospedale Sacco di Milano ribadisce che sarebbe propenso a “chiudere le aree dove è necessario, testare l’intera popolazione di quei luoghi e vaccinare. Nelle aree più critiche il vaccino può essere usato come strumento di arresto”.

Oltremodo non manca di ribadire che “quando mi danno del menagramo penso: vi avrei voluto a vedere quello che abbiamo visto noi. A marzo eravamo eroi, a dicembre eravamo diventati fastidiosi. Cosa dobbiamo fare, stare zitti? Io continuerò a fare il mio dovere sempre su base scientifica”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

mediaset

Le parti in questione rinunciano reciprocamente alle cause e denunce

Sulle tutele in favore delle vittime del lavoro e dei

La fase 2 dell’emergenza, che inizierà ufficialmente lunedì con le

Secondo i dati forniti dall’INPS e dal Ministero del Lavoro

Nella giornata del 12 luglio gli assessori all’ambiente Antonella Rizzo

“La gente continuò a dire per molto tempo che non

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.