Gestione illecita di rifiuti pericolosi e non: 5 persone arrestate e 4 denunciate

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
rifiuti (4)

Furto aggravato di 12 tonnellate di rifiuti pericolosi e non, già posti sotto sequestro: colte sul fatto, 5 persone di nazionalità rumena sono state arrestate e altre 4 sono state denunciate per trasporto illecito di rifiuti. Questo l’esito di un’operazione congiunta della Polizia Locale e della Polizia Metropolitana di Roma Capitale.

Tutto il materiale, sottratto allo scopo di recuperare il metallo presente per poi rivenderlo al mercato nero, era stato prelevato all’interno di un’area industriale di circa 500 mq in zona Ardeatina , sequestrata una settimana fa dagli agenti nell’ambito delle indagini condotte sulla filiera clandestina dei rifiuti. I responsabili sono stati fermati durante il tentativo di portare a termine il progetto criminoso: G.D., 36 anni, ha rimosso i sigilli del sito e, insieme ai suo complici, ha fatto arrivare due furgoni su cui caricare le tonnellate di batterie esauste ed un centinaio di cerchi metallici di ruote dismessi, materiale anch’esso già posto sotto sequestro nei giorni precedenti. Il gruppo criminale ha provato ad allontanarsi in direzioni diverse: gli operanti hanno bloccato gli autori del furto all’interno dell’area e subito dopo altre 4 persone sono state fermate a bordo dei mezzi utilizzati per trasportare la refurtiva. Quest’ultimi, tre uomini di nazionalità italiana ed un cittadino egiziano, sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria per gestione e trasporto illecito di rifiuti. I veicoli sono stati sequestrati.

L’intervento del personale ha permesso di fermare un’attività che avrebbe fruttato ai predatori del piombo una guadagno illecito di diverse migliaia di euro.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Un uomo di origine albanese si è cosparso di benzina

Ringraziamo la Presidente del Senato Casellati perché ha imposto il

“Lampedusa è veramente in uno stato di emergenza grave”. E’

Un “nuovo piano oncologico basato sulla centralità del paziente e

Altro che rivoluzione sovranista, il nuovo sondaggio dell’Europarlamento rivela che

“Il patto sull’immigrazione potrebbe avere la stessa portata dell’accordo sul

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.