Gianni Berengo Gardin, Roma

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
berengo gardin

Fin dagli inizi della sua lunga carriera, iniziata a metà degli anni Cinquanta, la macchina fotografica di Gianni Berengo Gardin ha descritto soprattutto l’Italia, mostrandola in tutti i suoi aspetti e nelle pieghe della sua cultura, con una esplicita volontà di documentazione da lui considerata il vero DNA della fotografia.

Tessere di un unico grande mosaico, le sue immagini non si limitano a cogliere l’attimo ma compongono a loro volta vere e proprie storie, osservando lo scorrere della vita e svelando il continuo evolversi della società del nostro Paese.

Fotografata in più occasioni con il consueto sguardo lucido e la pacata precisione, la Capitale d’Italia è il tema centrale della nuova mostra dedicata al fotografo e ospitata nel Casale di Santa Maria Nova, uno dei tesori dell’Appia Antica. Semplici e potenti, rigorose nel gioco di geometrie e chiaroscuri, le fotografie raccontano in modo attento e mai banale la storia, la sublime bellezza, le contraddizioni e le cicatrici di Roma dal secondo dopoguerra a oggi.

Con umanità, tenerezza, malinconia e profonda poesia, l’obiettivo della sua macchina fotografica si posa su dettagli, gesti e sguardi: immagini concrete e reali immortalate su pellicola che dipingono in 75 scatti, alcuni dei quali inediti, quadri di quotidiana semplicità da cui emerge tutto il fascino della città, con quel fatalismo cinico e divertito e la burbera franchezza di chi la abita. Un viaggio denso di emozioni tra persone, monumenti storici e periferie, senza filtri e senza giudizi, ma per conoscere, capire, passare il testimone.

Foto: Electa – “Roma, 1973” © Gianni Berengo Gardin – Fondazione Forma per la Fotografia Milano

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Grappoli d’uva maturati in mare per accelerare il processo di

Leggieri, Perrino e Giorgetti commentano il rinvio della seduta consiliare

Chiederò al sindaco Romizi di apporre un grande cartello con

Io ti chiamo “compagno”, caro Mimmo Lucano. Perché la parola

Per il premier Conte,oggi è stata la consacrazione di quello

Il ministro degli Esteri ha spiegato che per l’Italia l’unico

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.