GIAPPONE: L’ACQUA RADIOATTIVA DI FUKUSHIMA SARA’ SVERSATA IN MARE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
ambiente

L’acqua radioattiva della centrale nucleare di Fukushima, in Giappone, gravemente danneggiata dal terremoto e dal successivo tsunami del marzo 2011, sarà sversata nell’Oceano Pacifico. Lo ha annunciato il ministro dell’Ambiente Yoshiaki Harada, sottolineando che questa è “l’unica opzione possibile”. Ad effettuare il “travaso” dell’acqua radioattiva sarà la Tokyo Electric Power, la società che si occupa di gestire la centrale nucleare. Era l’11 marzo 2011 quando, dopo il sisma di Tohoku, i reattori attivi interruppero automaticamente le loro reazioni di fissione sostenute ma lo tsunami distrusse i generatori di emergenza che avrebbero fornito l’energia necessaria per controllare e far funzionare le pompe di raffreddamento dei reattori. Si ebbero così tre crisi nucleari, esplosioni d’aria e idrogeno e il rilascio di materiale radioattivo nelle Unità 1, 2 e 3 dal 12 al 15 marzo.

Da allora la società Tokyo Electric Power (Tepco) ha stoccato nella zona destinata alle riserve nella centrale più di un milione di tonnellate di acqua contaminata, proveniente dai condotti di raffreddamento dei reattori e non ha più spazio per immagazzinarne altra: ecco perché l’unica opzione possibile è quella di sversare nell’Oceano Pacifico il materiale radioattivo, al netto dei dubbi sull’impatto che una simile operazione potrà avere dal punto di vista strettamente ambientale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

In piena stagione estiva la Sardegna si ritrova a combattere

La stagione 2018/19 porta in dote un altro importante traguardo

SU BIGLIETTI AEREI ITALIA AL SECONDO POSTO IN EUROPA PER

DOPO AGGIORNAMENTO SOFTWARE PROBLEMI SU IPHONE 7. AZIENDA RICONOSCE DIFETTO

MIA INTERROGAZIONE AL MINISTRO BUSSETTI Garantire il diritto allo studio

Nella lunga storia delle crisi di governo, non ricordo una

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.