GIN AGRICOLO… DA UN’IDEA DI FRANCO CAVALLERO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
Gin-Agricolo-WEB-009

Indipendente, fiero, coraggioso, imprevedibile come un mare in tempesta e con il gusto per l’avventura, Franco Cavallero porta avanti il suo sogno: produrre un Gin che sia interamente frutto del territorio, del quale possa seguire l’intera filiera produttiva, utilizzando solo ingredienti freschi, botaniche selezionate e coltivate da lui a “Chilometro zero”.

Già proprietario dell’azienda vinicola Sant’Agata, nel 2011 apre ad Asti l’enoteca/cocktail bar: “Il Cicchetto”, un luogo, come dice lui, “dove si viene per condividere esperienze”.

La sua grande curiosità, la passione per il buon gin e per le serate tra amici, lo stimolano a plasmare un luogo in cui poter sperimentare alcune tra le migliori etichette di Gin. Nel suo locale se ne contano circa un centinaio.

In Italia il mondo del Gin è ancora inesplorato e sottovalutato da molti. Franco Cavallero vorrebbe un Gin tutto piemontese, con peculiarità e gusto inconfondibile.

Il gin è una bevanda ottenuta dall’infusione di bacche di ginepro in alcol prodotto dalla distillazione di cereali (grano, orzo, frumento e segale), aromatizzato con piante e spezie, il gusto delle quali non deve mai prevaricare quello del ginepro. Nel Gin moderno si tende a trovare una propria modalità espressiva, che rende unica ogni ricetta. L’Italia vanta una lunga tradizione di distillati al ginepro, visto, che questo arbusto sempreverde, tipico della fascia mediterranea, dall’aroma balsamico e pungente, si è diffuso sulle Alpi, sull’Appennino e in Sardegna. I più antichi “gin italiani” appartengono alla tradizione piemontese e trentina, come si evince dai vecchi manuali di liquoristica di fine ‘800 di Antonio Rossi e Luigi Sala.

Cavallero ha cominciato con tremila metri quadrati di appezzamenti per coltivare le botaniche più adatte a poter caratterizzare il suo Gin, fino ad arrivare a quattro ettari, aumentando di pari passo anche le specie di piante coltivate, che sono passate da venti a trentacinque tipi. Il territorio diventa una variabile fondamentale, l’altitudine (molto importante per una maggiore concentrazione del principio attivo), l’esposizione e il terreno diventano il fulcro della sua ricerca. Nel tempo si sono aggiunte alla ricetta piante officinali dalle caratteristiche terapeutiche, o aromatiche per conferire notevole complessità alla bevanda.

Il “Gin Agricolo” è un Gin con una ricetta unica, basata sull’utilizzo di varietà e quantità specifiche di componenti, interamente provenienti dal Piemonte, coltivate direttamente da Franco Cavallero e utilizzate fresche. Queste peculiarità rendono il prodotto “vivo”, potente, intenso e fortemente connotato.

Per tutte le altre informazioni:

https://ginagricolo.it/it_it/chi-siamo/

https://www.facebook.com/ginagricolo/

https://www.instagram.com/ginagricolo/

Altri contatti:

Gin Agricolo è un marchio di Forum Vini di Franco Cavallero

Via Garetti, 11/13

14100 – ASTI

Chiamaci al numero:

348 2202413

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Gorges du Verdon Indicare crediti dove esplicitamente richiesto Voglia di

Accordo tra Città metropolitana e Ministero dell’Ambiente per rilanciare l’Agenda

Il Senato ripristinerà i vitalizi così come li abbiamo sempre

Trasporti. “Più risorse alla mobilità ciclabile”, lo chiede Prodi (Misto)

Investimento da 350 milioni, 230 negozi con brand internazionali Entra

Roma, 24 feb – La “Nuova Via della Seta, in

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.