Gioco d’azzardo. Contestate dalla Spi Cgil le modifiche alla legge regionale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
gioco-dazzard

“Mentre in tutta Italia le regioni e i Comuni scrivono leggi sempre più restrittive e stanziano fondi per la lotta al gioco d’azzardo, la giunta regionale di Basilicata pensa di ridurre a soli cento metri la distanza delle sale gioco dai luoghi sensibili, eliminando addirittura dall’elenco centri sportivi, giovanili e oratori, riducendo le ammende per i trasgressori e allargando l’osservatorio regionale alla partecipazione dei gestori delle sale da gioco. Tutto ciò è inaccettabile”.

È quanto dichiara il segretario generale del sindacato dei pensionati Spi Cgil di Potenza, Gabriele Paolucci, che non pochi giorni fa ha promosso un incontro pubblico sul delicato tema della dipendenza dal gioco d’azzardo in Basilicata e nel capoluogo di regione, chiedendo un impegno concreto al governo regionale nell’applicazione della legge 27/2014 rappresentato al tavolo dall’assessore alla Sanità Rocco Leone.

“Un impegno – aggiunge Paolino – che potrebbe concretizzarsi nel peggioramento di quella legge, mostrando tutta l’incapacità del governo di centrodestra ad ascoltare il grido di allarme che viene dal territorio. La patologia della dipendenza dal gioco d’azzardo in Basilicata è un’emergenza.
Ricordiamo i dati ufficiali diffusi dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli su quanto è stato speso in Basilicata nel corso del 2018 per il gioco, tra lotterie istantanee, slot machine, lotto e superenalotto: 524 milioni e 757 mila euro, quasi 320 milioni nella provincia di Potenza. Oltre 900 euro a persona. Oltre 2.000 euro a famiglia.

Il gioco d’azzardo patologico è diventato ormai anche nel nostro territorio un’emergenza sociale, che si diffonde in maniera impressionante con conseguente drammatiche per molte famiglie e lo stesso tessuto sociale – continua Paolino – come abbiamo raccontato all’incontro di qualche giorno fa insieme a rappresentanti autorevoli che hanno diretto contatto con chi è affatto da questa dipendenza, Asp e associazione Famiglie fuori gioco. Giocano tutti – anziani, giovani – e si gioca ovunque: nei bar, nelle ricevitorie, a casa, nelle scuole.

Veramente un bel regalo in dispregio di chi questa dipendenza la vive sulla propria pelle” afferma il segretario dello Spi Cgil di Potenza che annuncia “battaglia” contro questo disegno di legge “scellerato, che difende chi in modo spregiudicato lucra sulle fasce più deboli. Di questo si tratta: tutelare lobby interessate esclusivamente ai propri interessi economici, come la cronaca ci racconta. Ci opporremo con tutte le nostre forze affinché questo disegno di legge non vada avanti. Ci stiamo già mobilitando con il coinvolgimento delle associazioni che operano nella prevenzione della dipendenza dal gioco di azzardo – conclude Paolino – e avvieremo una raccolta firme per una proposta di legge di iniziativa popolare che rafforzi la legge regionale esistente e fermi la proposta di questo governo regionale a trazione leghista”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“La crisi di governo, oltre ad aprire una fase di

Qualità, eccellenza, sicurezza e affidabilità. Sono questi i motivi principali

Neymar rinuncia al Barcellona: resterà al Psg un altro anno.

L’isola di Cirella, sulla costa tirrenica cosentina in comune di

A che punto siamo con l’attuazione dei provvedimenti in materia

Con gli amici della Fondazione Einaudi, ho partecipato oggi all’incontro

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.