#GIUSTIZIA: I CRIMINI D’ODIO NEGLI STATI UNITI RAGGIUNGONO IL LIVELLO PIÙ ALTO IN UN DECENNIO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
126335504_2799773720308248_6928898368089697828_o

Sono passati più di dieci anni da quando i crimini d’odio, cioè quei crimini motivati ​​da pregiudizi legati all’etnia, alla religione, all’orientamento sessuale o anche al genere delle vittime, non arrivavano a un simile livello negli Stati Uniti.

Nel suo rapporto annuale l’FBI ha detto di averne identificati 7.314 nel 2019, il numero più alto dal 2008 (7.783 crimini). E per il terzo anno consecutivo il numero di crimini d’odio è superiore ai settemila. Questi dati includono sia attacchi violenti sia crimini non violenti, come atti di vandalismo.

Tra questi crimini d’odio, l’FBI ha segnalato 51 omicidi nel 2019, più del doppio di quelli riportati nel suo precedente rapporto (24) e il livello più alto da quando è iniziata la pubblicazione di questi dati nel 1991. Tra questi c’è l’omicidio perpetrato nell’agosto 2019 nel parcheggio di un ipermercato Walmart a El Paso (Texas), durante il quale sono state uccise 22 persone e diverse decine sono rimaste ferite. Il terrorista, un simpatizzante di estrema destra di 21 anni, ha poi giustificato il suo atto con il desiderio di fermare l'”invasione ispanica”.

I principali elementi del rapporto:

– i crimini motivati ​​da pregiudizi razziali riguardano il 57,6% di quelli segnalati. Il numero di crimini contro la popolazione è in linea con il 2019: 1.930 contro 1.943 nel 2018. I crimini contro gli ispanici sono in aumento da 485 nel 2018 a 527 nel 2019

– i crimini motivati ​​da pregiudizi religiosi riguardano il 20,1% dei casi. Gli ebrei sono le prime vittime (60,2% dei reati), seguiti dai musulmani (13,2% dei reati)

– i crimini contro le persone LGBT+ sono aumentati nel 2019, in particolare con un aumento del 18% degli atti contro la comunità transgender.

Inoltre, spiega il rapporto, gli autori dei crimini d’odio identificati nell’ultimo anno sono per lo più bianchi (52,5% dei casi).

Tuttavia, “il rapporto annuale dell’FBI sottovaluta il livello reale dei crimini d’odio [commessi] nel paese”, sostiene il Southern Poverty Law Center (SPLC), un’organizzazione che tiene traccia dei gruppi di odio negli Stati Uniti.

L’SPLC spiega che la polizia cittadina o statale non è comunica sempre all’FBI se ci sono stati crimini di odio. In un rapporto del giugno 2017, l’ufficio del Procuratore Generale ha stimato che in media in un anno vengono commessi 250.000 crimini d’odio.

L’Hate Crime Statistics Act, approvato nel 1990, richiede alle autorità federali di condurre la raccolta delle prove trasmesse dalle forze dell’ordine locali. Ma ogni anno, sottolinea il Washington Post, meno uffici locali comunicano i dati. Inoltre, nel 2019 solo il 22% degli uffici ha detto di aver registrato crimini di odio. Un dato molto basso che “include più di 80 città con più di 100.000 abitanti”, osserva il Southern Poverty Law Center.

Il New York Times ha evidenziato alcune notevoli omissioni nei report precedenti, come l’omicidio di un manifestante antirazzista per mano di un neonazista nel 2017 a Charlottesville, in Virginia.

La crescita dei crimini di odio per il Southern Poverty Law Center è legato al rafforzamento del suprematismo bianco, il cui numero di gruppi è aumentato del 55% tra il 2017 e il 2019.

“Per un segmento in crescita del movimento nazionalista bianco, la violenza non è solo un mezzo per infliggere danni a gruppi che ritengono inferiori, ma una strategia per allertare gli altri bianchi sui pericoli percepiti dell’immigrazione, dell’integrazione razziale e del declino dei bianchi nella popolazione americana”, dice il SPLC.

I dati del Center for the Study of Hate and Extremism della California State University evidenziano come il numero di omicidi perpetrati dai sostenitori del suprematismo bianco sia aumentato nel 2019.

Il Dipartimento per la sicurezza interna aveva messo in guardia a ottobre sulle minacce rappresentate dal suprematismo bianco. In un rapporto, ha stimato che il 2019 è stato “l’anno più mortale” a causa dell’estremismo sul suolo americano dall’attentato di Oklahoma City nel 1995. All’epoca, Timothy McVeigh ha fatto esplodere un’autobomba nei pressi di un edificio federale nel centro della città, uccidendo 168 persone e ferendone più di 680.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“Noi ci stiamo affidando ai nostri tecnici e c’è una

“La fase 2 mi pare non esista, francamente. E’ uguale

“Non c’è contrarietà a uno strumento di lotta alla povertà

La Treccani boccia il termine ‘frugali’ come definizione di quei

Sul Forlanini, sul S. Giacomo e sugli altri ospedali storici

La notte dello scorso 26 luglio a Roma veniva ucciso

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.