Gli Agnelli si riprendono La Stampa, Il Secolo XIX e comprano Repubblica

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
213838-420x236

GENOVA – Firmato l’accordo per la cessione a Exor della partecipazione di Cir in Gedi, pari al 43,78%, al prezzo di 0,46 euro per azione, per un controvalore complessivo di 102,4 milioni di euro. All’esito del closing, Exor promuoverà un’offerta pubblica di acquisto obbligatoria al prezzo di 0,46 euro per azione per il tramite di una società di nuova costituzione. Cir intende reinvestire nella nuova società per una partecipazione in Gedi del 5%. E’ quanto si legge in una nota congiunta delle due società.

Exor si compra l’intera Gedi, riprendendosi così il quotidiano torinese La Stampa, ma anche La Repubblica, l’Espresso e le redditizie radio, fra cui Deejay. Del pacchetto fanno parte anche il quotidiano genovese Il Secolo XIX e il ‘gioiellino’ Limes. Dopo un cda fiume e dopo gli scontri fra Carlo De Benedetti e i figli, a cui ha ceduto da tempo il controllo delle società di famiglia, Cir ha accettato la proposta di John Elkann, che ha messo sul piatto oltre 100 milioni per la quota di controllo della società, che – assieme a quella già detenuta – lo porta oltre il 50% di uno dei principali gruppi editoriali italiani. Exor, che già detiene un’importante quota dell’Economist, in pratica torna a giocare un ruolo da protagonista anche nell’editoria italiana.

Il Presidente di Cir, Rodolfo De Benedetti, ha dichiarato che “dopo quasi 30 anni durante i quali siamo stati azionisti di controllo della società, desidero esprimere il più vivo ringraziamento a tutte le donne e gli uomini che hanno condiviso questo lungo percorso. Passiamo il testimone a un azionista di primissimo livello, che da più di due anni partecipa alla vita della società, che conosce l’editoria e le sue sfide, che in essa ha già investito in anni recenti e che anche grazie alla propria proiezione internazionale saprà sostenere il gruppo nel processo di trasformazione digitale in cui esso, come tutto il settore, è immerso”.

Il presidente e amministratore delegato di Exor, John Elkann, ha sottolineato che “con questa operazione ci impegniamo in un progetto imprenditoriale rigoroso, per accompagnare Gedi ad affrontare le sfide del futuro. Oltre a portare l’esperienza maturata nel settore, anche a livello internazionale, Exor assicurerà la stabilità necessaria per accelerare le trasformazioni sul piano tecnologico e organizzativo. Siamo convinti che il giornalismo di qualità ha un grande futuro, se saprà coniugare autorevolezza, professionalità e indipendenza con le esigenze dei lettori, di oggi e di domani”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

«Se Conte dovesse mollare, sarebbe molto difficile per il presidente

“Uniti ce la faremo”. E’ la rassicurazione del premier Giuseppe

Il trend globale che viaggia all’insegna della costruzione della smart

Roma  – A mali estremi, estremi rimedi. Carlo Calenda propone

Rivolgiamo un forte appello al tavolo delle regole di Forza

I soldi non porteranno la felicità, ma sicuramente fanno vivere

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.