Gli incendi stanno minacciando il Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
incendi                                   94a0cd23-fd45-465e-8b45-7cb9907b96f901Medium

Una colonna di fumo si è alzata nella mattinata di ieri in Val Fondillo, nel cuore del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise: in due ore sono andati a fuoco circa 500mq, prima che il fuoco fosse domato dal tempestivo intervento dei guardiaparco, seguiti da Vigili del fuoco, Carabinieri forestali, Protezione civile e volontari. Sono servite due ore per domare le fiamme, che avrebbero potuto fare molti più danni vista la presenza di vegetazione arbustiva altamente infiammabile; sulla natura dell’incendio sono comunque in corso le indagini di rito.

«Il positivo risultato raggiunto è anche frutto del recente, formale accordo, sottoscritto tra l’Ente parco, la Regione Abruzzo, il dipartimento Protezione civile e la direzione regionale dei Vigili del fuoco in materia di antincendio boschivo. Grazie al predetto accordo – dichiara il direttore facente funzione del Parco, Renato Di Cola – diciotto Guardie del parco sono state formate a seguito di un corso tenuto dai responsabili della Regione Abruzzo e dei Vigili del fuoco e sono pertanto in grado di operare con efficacia e tempestività , in raccordo con il Dos (Direttore operazioni spegnimento) che dal 5 agosto scorso opera stabilmente nel territorio del Parco, insieme ad altro personale dei Vigili del fuoco».

Ma ancora non basta: ben più grave è l’incendio che in questi giorni sta interessando la Valle di Comino creando apprensione anche all’interno dell’Area protetta, vista la vicinanza. L’incendio si è sviluppato per in area ricadente fuori dalla Zona di protezione esterna (Zpe), precisamente tra i Comuni di San Donato Val Comino e Campoli Appennino; la vastità della zona interessata dall’incendio ha richiesto l’impiego di due canadair e di un elicottero della Protezione civile, che operano per lo spegnimento già da diversi giorni.

«Le alte temperature registrate in questa calda estate anche nell’area Parco hanno richiesto un ulteriore sforzo e un ancor più capillare organizzazione delle strutture dell’Ente – dichiara il vicepresidente del Parco, Augusto Barile – Questo sforzo è assolutamente indispen

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Dopo l’arrivo dei 74 autobus urbani che abbiamo presentato la

Un contributo decisivo alla ripartenza del cantiere per il restauro

Raggiunto protocollo d’intesa Ministero e sindacati Sottoscritto il protocollo per

E PER LIMITARE I DANNI DA SMOG E DA STRESS

La definizione di linee di collaborazione strutturata tra le due

Furto aggravato di 12 tonnellate di rifiuti pericolosi e non,

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.