GMG E CAMPANELLA RIPARAZIONI NAVALI PORTO DI GENOVA: I LAVORATORI DA TRE MESI SENZA STIPENDIO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
genova

Genova –  Da tre mesi senza stipendio i lavoratori delle ditte GMG e Campanella operanti nelle sito delle Riparazioni Navali del Porto di Genova, sono stati costretti ad effettuare sciopero.

Le due aziende, in grandi difficoltà economiche, non hanno rispettato l’accordo sindacale che prevedeva il rientro graduale delle spettanze nei confronti dei dipendenti ed oggi la situazione è fortemente critica.

Per denunciare pubblicamente quanto sta accadendo a due realtà storiche del Porto di Genova, la Fiom Cgil ha chiesto un incontro in Prefettura durante il quale è stata illustrata la pesantissima situazione alla quale sono sottoposti i lavoratori.

All’incontro erano presenti i rappresentanti aziendali che hanno dato rassicurazioni circa il pagamento degli stipendi entro la settimana, ma se questo non dovesse accadere sono già pronte nuove iniziative di mobilitazione.

Fiom Cgil Genova

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

In occasione del 18esimo anniversario dell’apertura del centro penitenziario statunitense

Consegnato da Trenitalia il 24esimo treno Jazz acquistato e messo

La Deputata del M5S Carla Giuliano e la consigliera regionale

Nei viaggi latinoamericani del 1952, il laureando medico Ernesto Guevara

di Greenpeace – Alcune grandi aziende argentine dedite alla produzione

L’ultimo miglio che manca ancora al nostro Paese per passare

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.