GOVERNO: O. NAPOLI, SCUOLA SACRIFICATA A QUOTA 100 E RDC

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
napoli

​ ​ Le dimissioni del controverso ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti sono soltanto l’ultima segnale sullo stato comatoso in cui versa la scuola italiana. Dopo aver ingaggiato inutili e dannose battaglie sulle merendine e sulle bibite zuccherate da tassare, Fioramonti si è accorto che i fondi per la scuola hanno subito un taglio del 33%, passando da 3 a 2 miliardi per il 2020.
​ ​ ​ Nelle dimissioni di Fioramonti c’è la prova del fallimento di questo esecutivo, incapace di correggere le impostazioni profondamente sbagliate del Conte I, come quota 100 e reddito di cittadinanza. Il vento populista non riguarda soltanto una parte politica ma ha investito in pieno tutti gli schieramenti. Anche da sinistra si sceglie di bruciare le poche risorse disponibili puntando sull’immediato ritorno elettorale mentre finanziare la scuola non porta voti. Ora è da auspicare che il successore di Fioramonti abbia un profilo tecnico e indipendente, autorevole come richiede un incarico decisivo per costruire il futuro dell’Italia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

FIRENZE – Tutti insieme, per offrire una risposta concreta, efficace

BRUNO SPAWNING [Almendra Music 2019] 11 tracce – 27′ 53”

“Mi chiedo se si considera la Ragusana un’opera fondamentale da

Il governo andrà avanti con un programma di provvedimenti e

Autovelox SS96. Conca (M5S) presenta esposto e petizione online “Sarà

“Non usare l’Europa come alibi per non affrontare la situazione

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.