ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

GRANDI NAVI VENEZIA: SERVONO TEMPI CERTI PER IL “FUORI LAGUNA”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
venezia

SPERANDO CHE IL TRANSITORIO NON DIVENTI IL NUOVO DEFINITIVO
Prima che il passaggio delle grandi navi nel Canale della Giudecca diventi un ricordo, se mai lo diventerà, ne dovrà passare di acqua sotto i ponti: per ora l’unico che è riuscito a rallentare gli inchini dei grattacieli del mare a San Marco è stato un virus, nonostante le tante promesse e le false soluzioni annunciate dalla politica negli ultimi 10 anni.
Quella che il Governo spaccia come soluzione “transitoria” nel Canale Nord/Sponda Nord, costerà allo stato almeno 41 milioni di euro di soldi pubblici, in un momento drammatico per il Paese, con tempi di realizzazione non di certo brevi: non era meglio, in attesa dei risultati del Concorso Internazionale di Idee, chiedere finalmente agli armatori di entrare in Laguna solo con navi “classe venezia” (con un tonnellaggio e una chiglia “compatibili) e di distribuire arrivi e partenze nell’arco di tutta la settimana?
Sarebbe interessante, poi, avere un cronoprogramma con gli step per arrivare all’esecuzione della soluzione definitiva, che condivido debba essere fuori dalla Laguna, perché la sensazione è quella che si stia spacciando per provvisoria una scelta che in realtà è quello che il PD e il Sindaco Brugnaro vogliono come definitiva almeno dal Comitatone del novembre 2017.
E poi rimangono un sacco di nodi non chiariti: verrà scavato il Canale Vittorio Emanuele III per far transitare le navi dal Canale dei Petroli alla stazione marittima? Come verrà gestita la convivenza con il traffico commerciale con il Canale dei Petroli a senso unico alternato? Si intende allargarlo? E quando il MOSE sarà alzato cosa succederà? Non sono questioni secondarie, visti gli impatti che tutte queste misure avranno su Venezia e la sua Laguna, un patrimonio che è del mondo intero e che rischia la declassazione dall’UNESCO per la riconfermata incapacità della Politica.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

maddalena

Da verificare nel prossimo futuro, i giornali odierni enumerano una

raggi

In vista delle elezioni amministrative di autunno, tensioni sulle candidature

capone

“La complessa fase che il Paese sta attraversando ha messo

PRIMA MOSTRA PERSONALE A MILANO DI DAVIDE BRAMANTE “NEW YORK,

Sono oltre 142mila i nuclei che hanno presentato domanda per

RIFIUTI, CAROLI (FDI): I PUGLIESI TARTASSATI DAI COMUNI E LA

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.