“ Gravissima la deriva liberticida presa da alcune società private che gestiscono le piattaforme dei social network”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
meloni

“Gravissima la deriva liberticida presa unilateralmente da alcune società private che gestiscono le piattaforme dei social network.

Evidentemente il vertiginoso incremento del loro business, anche grazie ai lockdown, gli ha dato alla testa: hanno acquisito così tanto potere da pensare di poter togliere, in qualsiasi momento e a propria discrezione, il diritto di parola a chiunque.

Nel corso della storia i popoli del mondo hanno conquistato il diritto di esprimere i propri pensieri anche grazie al sacrificio di tante persone che hanno combattuto per la libertà. Per questo non è accettabile che i principi costituzionali di nazioni libere e democratiche possano essere messi in discussione dai monopolisti dei social network” lo scrive su Facebook la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni

Se accettiamo che venga censurata oggi una persona solo perché non condividiamo le sue idee, non dobbiamo lamentarci se domani toccherà a noi. Fratelli d’Italia farà di tutto per difendere la libertà di parola e la Costituzione italiana.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

“Il sentimento di unità oggi è stato cancellato dalle immagini

La FAO è l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e

Nonostante l’aumento della quota delle tredicesime disponibile per i consumi

La commissione Giustizia della Camera ha approvato l’emendamento soppressivo alla

In merito alla scontro tra Governo e Regione Veneto sull’emergenza

Il 19 febbraio il secondo incontro di “Storie tra le

Chiudi il menu
ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.