ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish

Green Carpet Fashion Awards, tutti i vincitori

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print
Dpad4_wXgAsTE9n

Ieri sera alla Scala c’erano davvero tutti. Star della moda e dello spettacolo sono state chiamate a raccolta per la terza edizione del Green Carpet Fashion Awards 2019, gli Oscar verdi della moda, che celebrano l’impegno verso la sostenibilità delle case di moda che lavorano per abbracciare un rapido cambiamento, preservando il patrimonio e l’autenticità dei produttori su piccola scala.
Prossimo video: X Factor 2019 – Senti che disagio: K-mono

Diverse le star internazionali e leggende italiane presenti, come Valentino Garavani e Sophia Loren che commossa ha consegnato allo stilista il prestigioso Legacy Award, riconoscimento che il co-fondatore di Eco-Age Livia Firth e il presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana Carlo Capasa hanno voluto dedicare a Valentino.

Gli ospiti sono stati accolti da una Piazza della Scala dipinta di verde, trasformata per una notte in una suggestiva vigna rinascimentale. A curare il set l’international editor at large di Vogue, Hamish Bowles, direttore creativo dell’evento, che ha voluto dedicare l’allestimento al 500esimo anniversario di Leonardo Da Vinci.

A fare gli onori di casa, oltre a Livia Firth e Carlo Capasa, sono stati i modelli Adut Akech e Jon Kortajarena, che hanno condotto la serata, mentre in platea erano seduti tutti i big del fashion system, dalla direttrice di Vogue Usa, Anna Wintour, alle modelle Doutzen Kroes ed Amber Valletta, Isabeli Fontana, Candice Swanepoel, Elisa Sednaoui, Toni Garn, Elsa Hosk e Alessandra Ambrosio. E ancora stilisti del calibro di Stella McCartney, Angela Missoni e Rosita Missoni, Pierpaolo Piccioli, Renzo Rosso e Paolo e Gildo Zegna, Tommaso Trussardi e Alessandro Sirtori.

Quanto ai premi assegnati, delle statuette realizzate da Chopard in oro etico certificato Fairmindef, ecco tutti i vincitori:
Il GCFA Visionary Award è stato consegnato da Ginevra Elkann al patron di Kéring, François-Henri Pinault mentre a vincere il GCFA Circular Economy Award è stata Healthy Sea. Nella categoria Technology and Innovation ha incassato la statuetta il presidente di SICIT Walter Perretti e il Ceo, Massimo Neresini. Il premio Social Media Changemaker Award è stato assegnato invece alla modella Doutzen Kroes mentre il Franca Sozzani Award for Best Emerging Designer è stato consegnato da Arizona Muse e Sara Sozzani Maino a Flavia La Rocca. I was a Sari ha vinto invece il Responsible Disruption Award, mentre il North Star Award è stato consegnato da Colin Firth e Lea T ad Auret Van Heerden e Dorothée Baumann-Pauly di NYU Stern and Kate Fletcher & Mathilda Tham from Union.

E ancora, il CNMI Award in recognition of Sustainability è stato assegnato ad Elia Maramotti di Max Mara e ad Alessandro Sartori e Gildo Zegna di Zegna. La stilista Stella McCartney ha vinto invece il Groundbreaker Award mentre il riconoscimento per the Art of Craftsmanship è stato conferito a Pino Grasso. Infine l’Eco Stewardship Award assegnato ai gondolieri di Venezia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su print

Ti potrebbero interessare

Con la mensilità di aprile 2020 sarà posta in pagamento

CALCIO in TV/ La Nazionale torna in TV domani sera:

Sull’Italia sta per tornare l’alta pressione. I temporali che hanno

ASILI NIDO COMUNE DI GENOVA: FP CGIL “PRIMA DI RIPARTIRE

#coronavirus Salvini 27 Febbraio: “L’appello che ho chiesto al presidente

È tutto pronto a Conegliano Veneto per il secondo round

ArabicEnglishFrenchGermanItalianRomanianSpanish
Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, accetti l’uso dei cookie.